Tra gli oligarchi russi con il passaporto israeliano, Mikhail Fridman, Roman Abramovich e Yuri Milner. L’Israele è la meta ambita.

Nella popolazione russa è un fatto comune che i cittadini possiedano la cittadinanza, oltre che in Russia, anche in un altro paese. La cittadinanza israeliana è quella più diffusa. È altamente probabile che l’Israele diventi una meta ambita dai cittadini russi che subiscono la guerra. Ciò anche a causa della repressione sui programmi per ottenere il passaporto di uno stato membro dell’Ue. Vengono infatti chiamati “i Passaporti d’Oro”.

Tre dei più importanti oligarchi russi sono infatti cittadini israeliani: Mikhail Fridman e German Khan, e Roman Abramovich.

Attualmente sta facendo notizia la storia di due fratelli russi di Vologda. Igor Bukhman e suo fratello Dmitri Bukhman sono i fondatori dell’azienda Playrix. Si tratta di un’azienda sviluppatrice di giochi per dispositivi mobili che è diventato uno dei più grandi al mondo. La sua nascita ha permesso ai due fratelli di accumulare ingenti patrimoni, per 16,2 miliardi di dollari in totale.


Circa una decina di anni fa, quando ancora non si parlava di un eventuale conflitto tra Russia e Ucraina, i due fratelli si sono sentiti in pericolo nel loro Paese. Furono i protagonisti di un fatto spiacevole con la polizia, in cui furono indotti con l’inganno ad acquistare alcuni terreni. Dopo quell’avvenimento, decisero di andare via.

bandiera israele
bandiera israele

Grazie alla loro discendenza ebraica, i fratelli potevano infatti chiedere la cittadinanza israeliana attraverso la Legge del Ritorno.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Cosa è la Legge del Ritorno

La legge del ritorno, è una legge dello Stato di Israele. Venne promulgata dalla Knesset il 5 luglio 1950 assieme alla legge sulla cittadinanza.

La norma in questione ha sancito l’abrogazione delle norme fissate dal cosiddetto “Libro Bianco“. Esso sanciva le limitazioni all’immigrazione ebraica. La nuova legge garantisce la cittadinanza israeliana a tutte quelle persone dalla discendenza ebraica del mondo. A patto che si trasferisca in Israele con l’intenzione di viverci e di rimanervi. Condizione ulteriore, quella di svolgere il servizio militare se ancora in età adatta.

Igor ha spiegato che “ottenerla è abbastanza semplice, se riesci a dimostrare le tue radici ebraiche. Dato che entrambi i miei genitori sono ebrei, nel mio caso è stato molto facile”.

I due fratelli così, si sono trasferiti in Israele nel 2016, per poi spostarsi nuovamente per andare a Londra nel 2020. Numerosi russi, in occasione del conflitto con l’Ucraina, temendo per le loro vite hanno usufruito della Legge del Ritorno, altrimenti nota come Aliyah.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 05-05-2022


Il video della lite tra Sgarbi e Mughini al Maurizio Costanzo Show

Roma, discoteca nega l’ingresso a tre ragazze perché “troppo vestite”