Spostamenti nelle seconde case consentiti dal 21 dicembre al 6 gennaio. Queste devono essere nella stessa regione.

ROMA – Spostamenti nelle seconde case consentiti dal 21 dicembre al 6 gennaio. Nonostante l’istituzione di misure molto più rigide, da Palazzo Chigi hanno assicurato la possibilità di lasciare la propria abitazione principale per muoversi verso la seconda casa. L’unica limitazione è rappresentata dal fatto che la casa deve essere nella stessa regione.

Nessuna fuga, quindi, in queste ultimi giorni prima dell’entrata in zona rossa. Per gli italiani ci sarà la possibilità di muoversi anche durante il periodo natalizio.

Decreto Natale, gli spostamenti

Una parte del decreto Natale è dedicata agli spostamenti. Dal 21 dicembre al 6 gennaio l’intera Italia diventa zona rossa nei giorni festivi e prefestivi quando per muoversi è previsto l’utilizzo della autocertificazione.

Gli unici movimenti consentiti sono quelli per andare a Messa, andare a trovare parenti e amici con un limite massimo di due persone (esclusi under 14, disabili e non autosufficienti), andare a prendere cibo da asporto e recarsi nelle attività che resteranno aperte.

Dal 28 al 30 dicembre e il 4 gennaio si passa in fascia arancione. Valide le misure decise con il dpcm di novembre.

Carabinieri
Carabinieri

Dal 7 gennaio ritorna il sistema a ‘zone’

Misure restrittive che, al momento, dureranno fino al 6 gennaio. Dal 7 dovrebbe tornare il sistema a zone. Il condizionale in questa pandemia è d’obbligo, il premier Conte deciderà solo a ridosso della scadenza delle nuove misure e in base ai dati che saranno registrati nelle prossime settimane. La speranza è quella di poter ripartire con la nuova noralità.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
coronavirus cronaca motori seconde case

ultimo aggiornamento: 20-12-2020


Messa di Natale, la Cei: “Andare nella Chiesa più vicina”

Coronavirus, folla nelle vie dello shopping. Assembramenti record nelle principali città italiane