Quando saranno raggiunti i 30 milioni con almeno una dose di vaccino via le mascherine all’aperto.

Via le mascherine all’aperto con trenta milioni di persone con almeno una dose di vaccino: è questa l’ipotesi che sta prendendo piede negli ultimi giorni e che ha incontrato pareri positivi. Con trenta milioni di vaccinati si potranno attendere due o tre settimane. A quel punto la mascherina potrebbe non essere necessaria all’aperto a meno che non ci siano assembramenti.

Pierpaolo Sileri
Pierpaolo Sileri

Covid, via le mascherine all’aperto quando saranno raggiunti i 30 milioni con almeno una dose di vaccino: l’ipotesi

Togliersi la mascherina all’aperto? Concordo con questa ipotesi quando saranno raggiunti i 30 milioni con almeno una dose di vaccino, bisognerà aspettare 3 settimane per avere una buona protezione, allora è chiaro che anche la mascherina all’aperto dove non c’è assembramento credo sia sensato mettersela in tasca e rimettersela in faccia quando c’è assembramento e rischio“, ha dichiarato Sileri ai microfoni di Radio 24.

Capisco le persone e il bisogno di ricominciare a fare una vita normale, serve ancora pazienza per 2-3 settimane, aspettare che si concludano le vaccinazioni di tutti gli over 80 e che si arrivi a 30 milioni di italiani coperti con almeno la prima dose di vaccino“, ha ribadito Sileri ai microfoni de il Corriere della Sera.

Coronavirus
Coronavirus

Italia verso la zona Bianca

Un’altra delle ipotesi è che intorno alla metà del mese di giugno l’Italia possa passare in zona bianca. Prima della fine del prossimo mese in Italia almeno 30 milioni dovrebbero aver ricevuto la prima dose del vaccino contro il Covid.

Entro due settimane tutte le Regioni in fascia gialla e il coprifuoco alle mezzanotte. E i ristoranti potranno lavorare anche al chiuso. A metà giugno, quando 30 milioni di italiani avranno ricevuto la prima dose, allora vedremo anche Regioni in fascia bianca“, ribadisce Sileri ai microfoni de il Messaggero.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 10-05-2021


Covid, “Report Oms ritirato per pressioni dei cinesi”

Quattro dosi di vaccino iniettate per errore ad una ragazza di 23 anni, aperta indagine