Un cittadino italiano è stato aggredito in Venezuela lo scorso 4 agosto. Sarebbe in gravi condizioni.

CARACAS (VENEZUELA) – Un cittadino italiano è stato aggredito lo scorso 4 agosto in Venezuela mentre stava rientrando a casa. Secondo quanto scritto dall’Ansa, non si conoscono i motivi di questo agguato nei confronti dell’ottantenne e sono in corso tutti gli approfondimenti del caso.

Il console onorario ha chiesto alle forze dell’ordine di “accelerare le indagini sull’aggressione commessa ai danni dell’uomo d’affari italiano“. Il nostro connazionale è il proprietario dell’Ospedale metropolitano di Maturìn.

Come sta l’italiano aggredito in Venezuela

Le reali condizioni dell’uomo non si sanno anche perché i familiari hanno preferito non rilasciare dichiarazioni. Le ultime indiscrezioni parlano di un ricovero in terapia intensiva e di un quadro clinico definito grave, ma non si hanno altre notizie. Nelle prossime ore anche la Farnesina potrebbe prendere contatti con le autorità locali per accertare meglio quanto successo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

La nota del console

Una notizia venuta alla luce dopo la dura nota del console onorario italiano. “L’accaduto – si legge nel comunicato – ha un carattere così brutale che mi spinge a chiedere pubblicamente alle autorità competenti di impegnarsi con la massima diligenza possibile ad indagare e chiarire non solo le cause che hanno portato ad un simile attacco, ma anche evitare che rimanga impunito“.

I punti da chiarire, quindi, sono ancora diversi e gli inquirenti non hanno ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale. I familiari della vittima hanno preferito non dare particolari informazioni sulle condizioni dell’uomo e per questo motivo non è per nulla semplice riuscire ad arrivare ad una ricostruzione chiara di quanto successo. Nelle prossime ore la Farnesina potrebbe decidere di prendere dei contatti con le autorità locali per capire meglio quanto successo e provare a dare una spiegazione a questa aggressione avvenuta in Venezuela lo scorso 4 agosto.


Coronavirus, gli Stati Uniti superano la soglia dei 100mila contagi al giorno

Trent’anni fa l’uccisione di Antonino Scopelliti