Jack Miller positivo al Covid. Il pilota si trova in isolamento in Australia e la sua presenza in Malesia è in dubbio.

MELBOURNE (AUSTRALIA) – Jack Miller positivo al Covid. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, il pilota della Ducati ha scoperto di aver contratto il virus a pochi giorni dalla partenza per la Malesia per i test invernali ed ora la sua presenza è in forte dubbio.

Nei prossimi giorni si sottoporrà ad un nuovo test e in caso di test negativo potrà lasciare l’Australia e raggiungere la squadra. Fortunatamente le condizioni sono buone e non ci sono particolari sintomi.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’annuncio di Jack Miller

Ad annunciare la positività è stato lo stesso Jack Miller con un messaggio sui social. “Purtroppo sono ancora in Australia – ha detto il pilota – sono risultato positivo al Covid. Non mi è consentito di viaggiare e perderò la presentazione della squadra. Mi sento bene, non ho sintomi e continuo la mia preparazione per la prossima stagione in fattoria“.

Nei prossimi giorni, come detto, si sottoporrà ad un nuovo test per capire se potrà prendere ai test in Malesia. La Ducati, comunque, è pronta a schierare Pirro o uno dei piloti dei team satelliti per iniziare la nuova stagione.

Coronavirus Covid
Coronavirus

Rinviata la presentazione della nuova moto

La positività di Miller ha portato la Ducati a rinviare la presentazione della nuova moto. La data era quella del 28 gennaio, ma il team di Borgo Panigale ha deciso di spostare tutto al 7 febbraio per consentire al pilota australiano di essere presente.

Non sono in programma, al momento, ulteriori rinvii anche se non è da escludere un nuovo spostamento della presentazione in caso di una conferma della positività di Miller. L’obiettivo della Ducati è quello di avere tutti i piloti a disposizione per svelare la nuova moto.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 22-01-2022


Quante auto cambia un italiano durante la vita?

Tensione Washington-Pechino, sospesi 44 vettori cinesi