Il presidente della Tanzania, John Magufuli, è morto all’età di 61 anni. Il decesso sarebbe avvenuto per problemi cardiaci.

ROMA – Il presidente della Tanzania, John Magufuli è morto all’età di 61 anni. La notizia della scomparsa del politico è stata data dalla vicepresidente Samia Suluhu Hassan. Ufficialmente il numero uno del Paese è deceduto per problemi cardiaci, ma le autorità locali hanno preferito mantenere il massimo riserbo sulla morte e non dare ulteriori notizie.

Chi era John Magufuli

John Magufuli dal 2015 era presidente della Tanzania. In patria era conosciuto da tutti con il soprannome Buldozzer per la sua passione per i grandi lavori pubblici, ma anche per la capacità di ottenere quello che voleva nonostante il duro lavoro delle opposizioni.

Un impegno che lo ha portato alla riconferma lo scorso settembre con il 76% dei consensi. Elezioni contestate dagli avversari che avevano parlato di brogli e di manipolazione dei risultati. Nonostante questo, il politico ha continuato il suo lavoro. Negli ultimi mesi, però, la sua posizione sul coronavirus è stato duramente criticata. Il politico, infatti, a gennaio aveva negato la presenza del Covid-19 in Tanzania, sostenendo che Dio l’avesse eliminata. Parole che non sono piaciute ai suoi cittadini e le critiche non sono mancate.

Ambulanza
Ambulanza

John Magufuli morto

La notizia della morte del presidente della Tanzania non è arrivata a sorpresa. Come riferito da ilpost.it, nelle ultime due settimane il politico non si mostrava più in pubblico per le sue condizioni di salute.

La morte, secondo quanto riferito dalle autorità locali, sarebbe avvenuta per un arresto cardiaco. Diversi i punti da chiarire, ma la famiglia ha preferito mantenere il massimo riserbo sulle cause del decesso. Nei prossimi giorni la popolazione darà l’ultimo saluto al suo presidente nel massimo rispetto delle norme anti-Covid. E si è già al lavoro per annunciare la data delle nuove elezioni.


Elezioni in Olanda, Mark Rutte verso un nuovo mandato

Chi è Mark Rutte, il ‘falco’ che guida i Paesi frugali