John McAfee è morto. Il creatore dell’antivirus si è tolto la vita in carcere poco dopo il via libera alla sua estradizione negli Usa.

BARCELLONA (SPAGNA) – John McAfee è morto all’età di 75 anni. Il creatore del noto antivirus si sarebbe tolto la vita in carcere dopo che era arrivato il via libera alla sua estradizione negli Stati Uniti. Le guardie della struttura sono intervenute immediatamente per rianimare l’uomo, ma non c’è stato niente da fare.

John McAfee morto

Nell’ottobre 2020 l’arresto per l’accusa di evasione fiscale negli Stati Uniti dal 2014 al 2018. McAfee era stato arrestato proprio a Barcellona mentre tentava di prendere un volo per la Turchia.

Il 23 giugno il Tribunale spagnolo aveva dato il via libera alla sua estradizione negli Stati Uniti, dove avrebbe dovuto rispondere dell’accusa di evasione fiscale e rischiava fino a 30 anni di detenzione. Secondo le accuse McAfee non avrebbe pagato nessuna tassa sui redditi dal 2014 al 2018.

Il 75enne si è tolto la vita in carcere poco dopo il via libera dell’estradizione negli Usa.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

McAfee
fonte foto https://www.facebook.com/McAfee

L’accusa di evasione fiscale e le altre vicende giudiziarie

L’accusa di evasione fiscale era solo una delle tante vicende che avevano costretto McAfee a fare i conti con la giustizia. e non forse la vicenda più spigolosa. Nel 2012 è rientrato come persona d’interesse nell’indagine sulla morte per omicidio di un suo vicino di casa. Chiede asilo politico in Guatemala. Viene arrestato dopo aver fatto ritorno illegalmente nel suo paese. Per dovere di cronaca non è mai stata formalizzata nessuna accusa contro di lui per questa vicenda. Non solo. McAfee ha alle spalle un arresto avvenuto in Repubblica Domenicana, dove lui e la moglie erano arrivati con una ingente quantità di armi.

Chi era John McAfee

Nato a Cindeford il 18 settembre 1945, John David McAfee è cresciuto in Virginia tanto da sentirsi più americano che inglese. Orfano di padre all’età di 15 anni, John si è laureato in matematica ed ha iniziato la carriera di professore.

Un ruolo che è stato interrotto quasi subito per una relazione con una delle sue studentesse. Poco dopo è finito in manette per uso di marijuana. Vicende che, però, non hanno mai messo fine alla sua passione per la matematica e l’informatica. Tanto che nel 1986 ha creato il primo virus informatico e, soprattutto, la fondazione della sua associazione che nel 1992 è arrivata ad essere quotata in Borsa per un valore di 80 milioni di euro.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/McAfee


Bambino morto a Cesena dopo il trasferimento in ospedale, aperta inchiesta

Borse 23 giugno, listini ancora deboli. Milano in rosso