La posizione dell’Italia dopo la valutazione dell’Ema sul vaccino Johnson and Johnson e i casi di trombosi: priorità agli over 60.

Dopo la valutazione dell’Ema sui casi di trombosi, anche per Johnson and Johnson si va verso la raccomandazione di somministrare il vaccino agli over 60. È bene ricordare che l’Agenzia europea non ha individuato fattori di rischio specifici e non ha posto limitazioni di sorta. L’Ema ritiene che i rari casi di trombosi possano essere un effetto collaterale del vaccino ma che i benefici superano i rischi. Le decisioni sulla modalità di somministrazione spettano ai singoli Paesi, come accaduto per AstraZeneca.

Johnson and Johnson
Fonte foto: https://www.facebook.com/JohnsonSpaSalute

Covid, vaccino Johnson and Johnson agli over 60

In Italia il vaccino Johnson and Johnson è raccomandato in via preferenziale per gli over 60. Lo si legge in una nota firmata dal Professor Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, da Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, e dal professor Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute.

“Il vaccino Janssen, il cui uso è approvato a partire dai 18 anni di età, dovrà essere preferenzialmente somministrato a persone di età superiore ai 60 anni, ovvero a coloro che, avendo un rischio elevato di malattia grave e letale, necessitano di essere protette in via prioritaria”.

Come per AstraZeneca quindi non c’è alcun divieto legato alla somministrazione a soggetti di età inferiore ai 60 anni. Alla luce delle caratteristiche del vaccino, si raccomanda la somministrazione in via preferenziale agli over 60, così da potenziare e rafforzare la campagna di vaccinazione e l’immunizzazione dei soggetti fragili.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

Magrini (Aifa): “Vaccino per tutti”

Intervenuto ai microfoni di Otto e mezzo, in onda su La7, Nicola Magrini ha parlato del vaccino Johnson and Johnson commentando la valutazione dell’Ema.

Come ci aspettavamo, su Johnson & Johnson l’Ema e la Fda hanno avuto approfonditi scambi di informazioni e hanno concluso che i rari casi di trombosi sono al limite della valutabilità, se non della trascurabilità. Quindi il vaccino è per tutti e l’Italia lo colloca in fascia anziana dove sicuramente i benefici sono maggiori dei rischi

TAG:
coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


Johnson and Johnson e trombosi: gli effetti collaterali da segnalare al medico

Come cambiano le regole per le visite ad amici e parenti