Decreto riaperture, cambiano le regole per le visite ad amici e parenti. Cosa bisogna sapere.

Il nuovo decreto cambia anche le regole per le visite ad amici e parenti. E la buona notizia è che le regole cambiano in positivo, nel senso che, almeno parzialmente, vengono allentate le restrizioni.

Decreto riaperture, le nuove regole per le visite ad amici e parenti

Nella bozza del nuovo decreto di aprile si fa il punto anche sulle nuove regole per le visite ad amici e parenti: “dal 1 maggio al 15 giugno 2021, nella zona gialla e, in ambito comunale, nella zona arancione, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti di cui ai provvedimenti adottati in attuazione dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge n. 19 del 2020, e nel limite di quattro persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minorenni sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi”.

La grande novità è rappresentata dal fatto che dal 26 aprile è possibile spostarsi in 4 per andare a fare visita ad amici e parenti in una abitazione privata. Due persone in più rispetto a quanto stabilito precedentemente. Questo sia in zona Gialla che in zona Arancione.

In zona Rossa invece lo spostamento non è consentito. Resta quindi vietato uscire di casa per andare a fare visita ad amici e parenti.

Polizia Italiana
Polizia Italiana

Gli spostamenti tra Regioni

Dal 26 aprile cambiano anche le regole per quanto riguarda lo spostamento tra le Regioni. Sarà consentito spostarsi liberamente tra due Regioni che si trovano in zona Gialla, mentre per raggiungere regioni in zona rossa o arancione servirà il pass verde. Senza tale documento non sarà possibile spostarsi tra Regioni di colore diverso se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


Johnson and Johnson e trombosi, cosa ha deciso l’Italia

Assenteismo, record a Catanzaro: in 15 anni neanche un giorno di lavoro. Ma prendeva regolarmente lo stipendio