Ramsey ceduto in prestito con diritto di riscatto dalla Juventus ai Rangers di Glasgow, colpo in uscita per i bianconeri.

Visite mediche in corso per Aaron Ramsey, il gallese è sempre più vicino ai Glasgow Rangers. Come riferito dalla BBC, in questo momento il trequartista della Juventus si trova in Scozia dove sta sostenendo le visite mediche con i Rangers. Una volta conclusi i test medici, il gallese firmerà con la società scozzese che è prima in classifica nel campionato di competenza. I Rangers hanno precedentemente trovato l’accordo con la Juventus per un prestito con diritto di riscatto fino al termine della stagione e parte dell’ingaggio pagato proprio dai bianconeri, circa il 30%. L’obbligo di riscatto potrebbe avvenire alla vincita del campionato della squadra scozzese. È la terza cessione che la Juventus porta a termine, dopo quelle già ufficiali di Rodrigo Bentancur e Dejan Kulusevski che hanno permesso di finanziare il grande colpo in attacco firmato Dusan Vlahovic.

Juventus
Juventus

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il mercato della Juventus

La Juventus chiuderà il mercato con la cessione di Aaron Ramsey, oramai in via di conclusione. Ricordiamo che il mercato per i Rangers terminerà a mezzanotte italiana. La Juventus che oramai ha mollato Nandez ha chiuso tutte le porte per la cessione di Kaio Jorge. Il brasiliano richiesto da molte squadre italiane ed estere (tra cui il Granada) è stato fermato da Allegri che vuole un’alternativa in più in attacco per i bianconeri. Il calcio mercato quindi bianconero si conclude con Dusan Vlahovic, Denis Zakaria e Federico Gatti (che resterà al Frosinone fino a giugno). Un mercato di gennaio da record per la Juventus che non aveva mai investito così tanto durante un mercato invernale, Champions League unico obiettivo per Max Allegri.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Juventus

ultimo aggiornamento: 31-01-2022


Juventus, ufficiale: ceduti Kulusevski e Bentancur al Tottenham

Juventus regina del mercato, bene l’Inter e male il Milan: il bilancio