Alla Continassa sono rimasti impressionati dagli atteggiamenti di Vlahovic: rispettoso nello spogliatoio, trasformato in campo nella Juventus.

Non ha ancora gioca con la maglia bianconera, ma Dusan Vlahovic ha già conquistato il pianeta Juventus. Il bilancio si farà a fine stagione, ma intanto è bastata solamente una settimana alla punta serba per far capire a tutti, alla Continassa, che il suo valore va anche oltre quello pagato alla squadra viola per arrivare: capocannoniere del campionato con 17 reti segnate in mezza stagione con la Fiorentina.

Aspettando l’esordio di domenica con il Verona e le prime marcature, Vlahovic ha già fatto capire di essere l’uomo che la società attendeva. Il miscuglio di umiltà e determinazione, mostrato in conferenza stampa, non è stato un copione: Vlahovic si sta dimostrando in quella maniera e in questi giorni dirigenti, compagni e staff ne sono rimasti impressionati positivamente, così riportato da TuttoSport.

Dusan Vlahovic Fiorentina
Dusan Vlahovic Fiorentina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Dusan Vlahovic conquista i bianconeri

Nello spogliatoio è entrato senza essere la star, Dusan Vlahovic si è accomodato nel posto indicatogli, accanto a Federico Bernardeschi altro ex Fiorentina ora alla Juventus. Il nuovo centravanti bianconero è curioso, ma sempre molto rispettoso con staff, compagni e personale del centro sportivo. “Sembra un De Ligt, un 22enne con la testa di uno di 30”, raccontano le voci riferite a TuttoSport.

Zero eccessi, tanto equilibrio, molta fame di arrivare: sfruttare ogni momento della giornata per migliorarsi, come faceva Cristiano Ronaldo. Quando non è sul terreno di gioco, è in palestra. Le buone maniere di Dusan, però, terminano all’ingresso del terreno di gioco. Perché in allenamento o nelle esercitazioni vuole essere il primo in tutti gli esercizi. Non ci resta che attendere il debutto.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Juventus

ultimo aggiornamento: 04-02-2022


Milan, problemi di formazione: assenti Ibrahimovic e Rebic, torna Tomori

Cagliari, Capozucca: “Juventus-Nandez, ecco perché è saltata”