A causa delle sanzioni inflitte dall’Unione europea, i camion russi diretti verso Kaliningrad sono stati bloccati.

Secondo l’agenzia di stampa di Stato sovietica, Ria Novosti, i carichi russi potranno essere trasportati soltanto attraverso il mare. In questo clima, la Russia starebbe già lavorando a «misure di ritorsione». Sono queste le conseguenze del divieto di transito imposto dalla Lituania ai treni merci della Russia, diretti verso l’exclave Kaliningrad.

Il divieto è dovuto all’imposizione delle sanzioni europee nei confronti della Russia: per questo motivo i camion non possono transitare. Ria Novosti, agenzia di stampa sovietica, ha reso nota la notizia, specificando che «questi carichi, come quelli ferroviari, possono essere trasportati solo via mare al momento».

Militare Russia

Alla luce di questi divieti, nella giornata di oggi 22 giugno, il Cremlino ha avvertito che ci sarà una «risposta seria» in merito alla questione, «con un impatto molto negativo sui cittadini della Lituania». A dichiararlo la portavoce del ministro degli Esteri russo, di cui ha parlato l’agenzia di stampa di Stato sovietica. Il ministro ha affermato che il ministero sta già lavorando a delle «possibili misure di risposta».

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La situazione in Estonia

La situazione ha creato scompiglio anche all’interno della regione baltica. Nello specifico, l’Estonia ha annunciato che si è verificata una violazione dello spazio aereo estone, da parte di un elicottero russo. Si tratterebbe di un elicottero responsabile della protezione delle frontiere.

La violazione in questione è avvenuta lo scorso 18 giugno. L’elicottero russo, un Mi-8, avrebbe – senza aver presentato alcun piano di volo – invaso lo spazio aereo sorvolando per due minuti la regione di Koidula, nel sud-est dell’Estonia.

La violazione dello spazio aereo è avvenuta senza effettuare alcun contatto radio con il controllo del traffico aereo, e senza attivare la funzione di riconoscimento elettronico. In risposta a questo gesto, le istituzioni hanno convocato l’ambasciatore russo da parte del ministro degli Esteri di Tallinn, che ha affermato: «L’Estonia considera questo un incidente estremamente grave e deplorevole, che indubbiamente provoca ulteriore tensione ed è del tutto inaccettabile».

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 22-06-2022


Afghanistan, terremoto di magnitudo 6.1: bilancio mille morti

Siccità, allarme crisi idrica in Lombardia