I koala sono a rischio estinzione. Secondo il Wwf la specie simbolo dell’Australia potrebbe sparire dopo l’emergenza incendi che ha colpito il Paese.

SIDNEY (AUSTRALIA) – I koala sono a rischio estinzione. L’allarme è stato lanciato dal Wwf australiano specificando che l’emergenza incendi che ha colpito il Paese ha accelerato questo processo iniziato diverso tempo fa. Presto il simbolo della nazione oceanica dovrebbe essere inserito alla lista nazionale della specie in pericolo.

Da sempre l’esemplare è stato un animale raro tanto che gli animalisti avevano classificata la specie come vulnerabile. Ora il rischio di estinzione è diventato più probabile dopo gli incendi che hanno colpito l’intero Paese negli ultimi mesi.

Si cerca di proteggere i sopravvissuti

In Australia è partita la lunga battaglia per proteggere i sopravvissuti. L’emergenza incendi ha avuto una piccola battuta di arresto anche se una serie di roghi sono ancora accesi.

Le fiamme negli ultimi mesi hanno provocato decine di morti tra uomini e, appunto animali. Tra questi ci sono anche i koala con un numero di esemplari drasticamente diminuito. “Non mi sorprenderebbe se, in base ai dati raccolti, il numero di koala perduti a causa della siccità e poi degli incendi arrivasse a 10mila“, ha detto Blanch del Wwf.

Incendio Vigili del fuoco
Incendio Vigili del fuoco

Il koala a rischio estinzione

Il koala è un marsupiale australiano, unico rappresentate vivente del genere Phascolarctos. L’esemplare passa quasi tutta la vita sugli alberi di eucalipto e solo verso sera comincia il proprio pasto fatto di foglioline e gemme di eucalipto con una quantità che può arrivare anche mezzo chilo al giorno.

La durata media della vita di un koala si può aggirare intorno ai venti anni e l’animale lo possiamo trovare lungo la costa orientale dell’Australia. Gli incendi hanno messo a rischio di estinzione con il Wwf che ha chiesto al governo locale di assicurare la massima protezione ai sopravvissuti ai roghi.

fonte foto copertina https://twitter.com/ultimenotizie


Brexit, chi non parla inglese non potrà entrare in Gran Bretagna

Unicef: “Il numero dei bimbi obesi negli ultimi 40 anni è aumentato 11 volte”