La Ferrari 2020 supera i crash test: prima prova superata per la Rossa di Maranello che ottiene il via libera in vista della prossima stagione.

Semaforo verde per la nuova Ferrari che supera i crash test e ottiene la certificazione per scendere in pista nel prossimo campionato.

La Ferrari supera i crash test

La Ferrari ha superato tutte le quindici prove dei test di sicurezza. Una sorta di crash test come quello che devono affrontare la macchine di serie per valutare la tenuta dell’abitacolo per preservare il conducente e i passeggeri.

La notizia è positiva per gli uomini della Rossa anche perché non è scontata. Basti pensare che nel mese di dicembre l’Alfa Romeo ha fallito il test. Senza omologazione la squadra è costretta a mettere nuovamente mano al progetto iniziale stravolgendo il piano originario.

Charles Leclerc
fonte foto https://twitter.com/ScuderiaFerrari

A Maranello si lavora su velocità, stabilità e gestione delle gomme

Superare il test al primo tentativo significa guadagnare tempo prezioso rispetto agli avversari. Anche per questo motivo a Maranello si torna a respirare un’aria di moderato ottimismo in vista della prossima stagione.

La strada intrapresa è quella giusta. Da ora in avanti i lavori si concentreranno su velocità e stabilità. Per la Ferrari inoltre si dovranno fare gli straordinari per arrivare a una gestione ottimale delle gomme.

Nella scorsa stagione la Rossa di Maranello ha sofferto e non poco la gestione degli pneumatici, problema che non hanno riscontrato ad esempio in casa Mercedes. E bisogna capire il motivo.

Di seguito il tweet condiviso dalla Ferrari sulla presentazione della nuova macchina

La sicurezza in Formula 1

La sicurezza è diventata negli ultimi anni uno dei punti cardine della Formula 1, e le monoposto vengono sottoposte a test sempre più severi e stressanti per la struttura. Il tutto per la tutela del pilota, nella speranza di evitare nuove tragedie in pista.

ultimo aggiornamento: 13-01-2020


Leclerc, “Ho imparato molto da Vettel. 2021 anno importante”

Dakar 2020, sorpresa Serradori nelle auto. Moto ferme per ricordare Goncalves