Mercato Milan, Marouane Fellaini è un affare già fatto? Dal Belgio non hanno dubbi ma l’ultima parola spetterà all’Uefa.

Mercato Milan, Marouane Fellaini è… affare fatto? Ne sono certi in Belgio, dove i media danno per certo il trasferimento di Marouane Fellaini al Milan. Il giocatore piace sicuramente a Gattuso e Mirabelli e i rossoneri stanno continuando a trattare con l’entourage del centrocampista belga alla ricerca dell’accordo sul contratto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Mercato Milan: accordo raggiunto con Marouane Fellaini

Il nodo sarebbe rappresentato dalle richieste economiche del giocatore. Al Manchester United viaggia intorno ai dieci milioni di euro e non è intenzionato a scendere al di sotto dei sei milioni a stagioni. Il Milan non è intenzionato a superare l’asticella dei quattro milioni e mezzo all’anno: la distanza tra le parti c’è ma non è insormontabile.

Nella corsa al centrocampista si sarebbe però inserito anche il Marsiglia, pronto ad accontentare le richieste economiche di Fellaini che sarebbe però più attratto dalla destinazione italiana.

Da Casa Milan al momento smentiscono le indiscrezioni delle ultime ore, ma va detto che tutti gli occhi sono puntati su Nyon in attesa del verdetto dell’Uefa che dovrebbe arrivare nelle prossime due settimane (venti giorni al massimo).

Marouane Fellaini
Fonte foto: https://www.facebook.com/MarouaneFellaini

Milan, Badelj la prima alternativa a Fellaini

Se i rossoneri dovessero riuscire a difendere in tribunale quel posto in Europa League ottenuto non senza fatica sul campo, allora la trattativa per Fellaini potrebbe decollare e chiudersi in pochi giorni.

Se l’Uefa dovesse invece decidere di dare il colpo di grazia al Milan, allora il primo obiettivo di Mirabelli diventerebbe Milan Badelj, anche lui in scadenza di contratto e chiamato a dare una risposta alla Fiorentina.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 27-05-2018


Milan, offerti 450 milioni a Yonghong Li provenienti da Dubai

Milan, la lista degli scontenti: ecco chi può partire senza Europa