Il vicepresidente del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev ha elogiato la Russia come un paese unico, patria di quasi 200 nazionalità e gruppi etnici che parlano quasi 300 lingue.

La posizione dei paesi che credono che l’obiettivo della Russia sia rilanciare l’impero e annettere territori “è fondamentalmente errata“, poiché la Russia non aspira al dominio del mondo, ma difende semplicemente le sue persone, vicepresidente del Consiglio della Federazione ha detto Konstantin Kosachev all’Assemblea dell’Unione interparlamentare in Ruanda ieri.

“La maggior parte delle delegazioni qui presenti pensa che l’essenza degli attuali sviluppi ruoti attorno all’attacco della Russia all’Ucraina. Questa percezione generale è corroborata dai risultati della votazione che chiede di inserire una questione urgente all’ordine del giorno dell’Assemblea. Il fatto che così tante delegazioni siano concordi in questa interpretazione può essere spiegata semplicemente, dal momento che molti vedono la Russia come un’altra reincarnazione dell’ex Unione Sovietica o dell’Impero russo, il cui unico obiettivo è far rivivere l’impero. Tuttavia, questa interpretazione della questione è fondamentalmente errata”, ha affermato il senatore nel suo discorso.

Kosachev ha ammesso di aver inizialmente programmato di parlare di uguaglianza di genere, ma di conseguenza è stato costretto a concentrarsi su un altro problema: il conflitto russo-ucraino, poiché la delegazione russa “riceve moltissime domande su cosa sta succedendo e anche richieste chiarire la posizione della Russia”.

Bandiera Russa – Ucraina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

“La Russia non vuole assolutamente far rivivere alcun impero, non cerca di stabilire un mondo unipolare o non aspira al dominio del mondo”, ha sottolineato Kosachev.

Il senatore ha elogiato la Russia come un paese unico, patria di quasi 200 nazionalità e gruppi etnici che parlano quasi 300 lingue.

“Vorrei attirare la vostra attenzione sul fatto che nessuna delle nazionalità che vivono in Russia o dei gruppi etnici cerca di separarsi dalla Russia, poiché tutte vivono in pace e armonia. Non subiscono violazioni dei loro diritti legati ai loro lingua, religione o cultura. Tuttavia, tali violazioni si verificano in alcune ex repubbliche sovietiche, dove numerose nazionalità e gruppi etnici vogliono separarsi, poiché non si sentono a proprio agio lì”, ha affermato il vicepresidente del Consiglio della Federazione, aggiungendo che è stato il caso di Transnistria in Moldova, con l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia in Georgia, e lo stesso è accaduto in Ucraina.

Secondo il senatore, la differenza tra la Russia e tutti quei paesi è che le autorità russe non avrebbero mai permesso ai “nazionalisti che qualsiasi paese ha” di prendere il potere con lo slogan “La Russia per i russi”.

“Siamo convinti che la loro ascesa al potere comporterebbe immediatamente la perdita dell’integrità territoriale del nostro Paese. Non possiamo permettercelo in alcun modo. Ma è proprio quello che è successo in Ucraina”, ha affermato il senatore.

Kosachev ha sottolineato che i nazionalisti hanno preso il potere in Ucraina nel 2014 e hanno scatenato una guerra civile. Il politico ha osservato che il governo ucraino ha privato milioni di ucraini dell’opportunità di vivere in sicurezza, di parlare russo, di preservare la loro cultura e di aderire alla loro visione della storia. Il senatore ha aggiunto che in quella situazione spinosa, la Russia aveva cercato per otto anni di aiutare l’Ucraina a ripristinare e mantenere la sua integrità territoriale, ma Kiev ha rifiutato gli accordi di Minsk e ha iniziato a bombardare l’Ucraina sudorientale.

Differenza con il conflitto in Cecenia

Il vicepresidente del Consiglio della Federazione ha affermato che la Russia ha affrontato una situazione simile durante il conflitto in Cecenia e inizialmente ha consentito gli stessi errori che le autorità ucraine stanno commettendo ora, poiché Mosca considerava il popolo ceceno terroristi, separatisti e criminali, tentando di “usare l’esercito forza per costringerli a vivere all’interno di uno stato russo”.

“Tuttavia, un tale atteggiamento non ha funzionato e non potrebbe funzionare. Solo dopo aver modificato la nostra strategia e avviato un dialogo con i nostri cittadini in Cecenia, dopo aver tenuto conto delle specificità di quella regione e degli interessi della popolazione locale e così via su, siamo stati in grado di raggiungere la soluzione politica del conflitto”, ha sottolineato Kosachev.

“Tuttavia, una situazione contraria può essere vista in Ucraina, dal momento che le autorità ucraine si rifiutano ancora di parlare con le persone del sud-est del Paese. Ecco perché milioni di persone nel sud-est dell’Ucraina hanno deciso di ottenere l’indipendenza dal Paese che non rispetta i loro diritti e calpesta la loro dignità, religione, lingua e cultura”, ha detto.

Kosachev ha concluso presumendo che questo punto di vista differisca dal punto di vista che può essere ascoltato dagli ucraini e dai loro gestori.

Il senatore ha invitato i parlamentari a “visitare le regioni in conflitto”.

“Puoi andare in Crimea, a Donetsk, a Lugansk e parlare con la gente lì. Sai bene che l’Ucraina si opporrà. Perché? Perché non vogliono che tu sappia la verità. Tutte le nostre azioni non mirano all’annessione qualsiasi territorio o risorsa, ma a proteggere le persone che ci vivono”, ha concluso Kosachev.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-10-2022


Putin: La Russia non vuole distruggere l’Ucraina

Esercitazione nucleare top secret della NATO