Roma, paura per Paulo Fonseca: ladri in casa, colpo dal valore di 100.000 euro circa. Fortunatamente il tecnico e la sua famiglia non si trovavano nell’abitazione.

Disavventura per il tecnico della Roma Paulo Fonseca, vittima di una rapina in casa: i ladri hanno sottratto dall’abitazione dell’allenatore tre Rolex dal valore complessivo di 100.000 euro.

Ladri in casa di Paulo Fonseca, rapina da 100.000 euro

La notizia è stata riportata da il Messaggero. La rapina è avvenuta nel pomeriggio del 30 ottobre, quando in casa dell’allenatore fortunatamente non c’era nessuno. Il tecnico si trovava al Centro sportivo per dirigere l’allenamento della squadra, mentre la moglie era fuori insieme con il figlio.

I ladri si sono inseriti nell’abitazione passando per una porta-finestra. I malviventi hanno disinserito l’allarme e per introdursi nella casa hanno danneggiato la recinzione del giardino.

Paulo Fonseca Lazio-Roma
Paulo Fonseca

La denuncia

Paulo Fonseca ha denunciato la rapina al commissariato di polizia di Monteverde. Nell’abitazione dell’allenatore sarebbero intervenuti anche gli uomini della Polizia Scientifica che non avrebbero rinvenuto indizi utili per risalire all’identità dei malviventi.

Il bottino

I ladri si sono dati alla fuga con tre orologi dal valore complessivo di 100.000 euro.

Ladri anche in casa di Correa

Solo una settimana prima della rapina in casa di Fonseca, i ladri avevano fatto irruzione anche a casa di Correa alla Giustiniana. Gli inquirenti ipotizzano che i due colpi possano essere stati messi a segno dalla stessa banda. Nel colpo in casa Correa i malviventi si sono assicurati un bottino da 74.000 euro circa tra gioielli, orologi e altro. Il colpo è avvenuto mentre il calciatore era in campo in occasione della sfida contro il Bologna.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio calcio news cronaca roma sport

ultimo aggiornamento: 01-11-2020


Papa Francesco: “Nella festa di Tutti i Santi la Chiesa ci invita a riflettere sulla grande speranza”

La corsa contro il tempo per evitare il collasso delle strutture ospedaliere. A metà novembre il punto critico