Parla Maurizio Sarri in conferenza stampa prima della partita contro la Fiorentina della sua Lazio. Traspare delusione per il mercato.

Sarri parla alla vigilia della partita contro la Fiorentina della sua Lazio, ecco la conferenza prima del match. Le parole sulla domanda del calciomercato “Il mercato si è concluso, stop. Inutile stare qui a parlarne.” Chiudendo subito la discussione.

Parla anche delle condizioni della squadra “Ogni tipo di discorso in questo momento si può ritorcere contro la squadra, dobbiamo fare meglio con questi giocatori e secondo me si può fare meglio. Io devo tenere la squadra lontana dagli alibi. Siamo questi e dobbiamo fare meglio con questi”. Non mostra felicità Sarri per il mercato, ma si adatta alla rosa che ha a disposizione.

Maurizio Sarri
Torino 11/07/2020 – campionato di calcio serie A / Juventus-Atalanta / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Maurizio Sarri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Sarri parla di Jovane Cabral

L’allenatore dei biancocelesti parla anche dell’acquisto di Jovane Cabral, l’allenatore della Lazio Maurizio Sarri risponde così: “Vediamo quello che ci può dare questo ragazzo – ha rivelato Sarri -, io lo conosco pochissimo. Ma c’è una persona che l’ha seguito, anche se in maniera superficiale. Dal punto di vista fisico ha meno dei nostri, ha fatto 45 giorni di infortunio. Qualcosa gli può mancare, è esplosivo e resistente e ha qualche numero in accelerazione”.

Non manca la domanda sul rapporto con il presidente Claudio Lotito, il tecnico toscano precisa: “Il rapporto con il presidente è un rapporto diretto, io gli dico quello che penso e lui mi dice quello che può fare. Se sono scontento? Non rispondo, questa è una trappola, ho 63 anni e non ci casco…”. Così Sarri prima del match contro la nuova Fiorentina di Italiano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 04-02-2022


Roma, Mourinho: “Zaniolo è un nostro giocatore fino al 2024”

Juventus, Allegri: “dobbiamo arrivare dentro ai primi quattro posti”