Le Regioni che potrebbero cambiare colore dopo il lockdown di Pasqua. La situazione epidemiologica al 1 aprile, alla vigilia del nuovo monitoraggio Iss.

Il decreto Aprile conferma il sistema a colori e soprattutto conferma la sospensione della zona Gialla fino alla fine del mese. Quindi il 2 aprile si procede con il nuovo monitoraggio Iss, in base al quale saranno stabiliti i colori delle Regioni dopo il lockdown di Pasqua.

I colori delle regioni fino al 2 aprile

Partiamo dalla situazione attuale, e quindi con i colori delle Regioni dal 29 marzo al 2 aprile. Il 3, il 4 e il 5 aprile infatti tutte le Regioni saranno in zona Rossa per il lockdown di Pasqua.

Zona rossa: Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Toscana, Val d’Aosta e Veneto
Zona arancione: tutte le altre (Regione Lazio dal 30 marzo)

Di seguito le ordinanze firmate dal Ministro della Sulute Roberto Speranza.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Verso il nuovo monitoraggio Iss, le Regioni che potrebbero cambiare colore dopo Pasqua

Salvo colpi di scena delle ultime ore Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Emilia Romagna, Puglia, Lombardia, Toscana e Marche dovrebbero rimanere in zona Rossa anche dopo Pasqua.

Campania, Calabria, Veneto e provincia di Trento invece hanno una situazione epidemiologica tornata sotto la soglia di allarme. Tra queste solo la Campania dovrebbe tornare in Arancione. Questo perché anche in occasione del precedente monitoraggio aveva uno scenario di rischio compatibile con la zona Arancione e non con la zona Rossa.

Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Molise, Bolzano, Sardegna, Sicilia e Umbria invece dovrebbero rimanere in Arancione.

Il nuovo monitoraggio Iss non dovrebbe invece suggerire la zona Bianca per nessuna Regione. Ad oggi la Sardegna è stata l’unica Regione che ha militato nella zona senza restrizioni prima di fare ritorno in zona Arancione.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 01-04-2021


Rovinate 15 milioni di dosi del vaccino Johnson and Johnson: errore umano nella preparazione

Festa a casa McKennie con Dybala e Arthur: multe per violazione delle norme anti Covid