Covid, rovinate per un errore umano 15 milioni di dosi del vaccino Johnson and Johnson. La società rivede il calendario delle consegne negli Stati Uniti.

Primi problemi per Johnson and Johnson che deve fare i conti con 15 milioni di dosi del vaccino rovinate per un errore umano in fase di produzione.

15 milioni di dosi del vaccino Johnson and Johnson rovinate per errore umano

Stando a quanto riferito dal New York Times, durante la fase di preparazione nello stabilimento della EmergentBioSolutions, Baltimora, sarebbero stati mescolati gli ingredienti per la produzione di due vaccini. L’errore sarebbe di natura umana. Le dosi in questione erano destinate alla distribuzione negli Stati Uniti.

Johnson and Johnson
Fonte foto: https://www.facebook.com/JohnsonSpaSalute

Ritardi nella distribuzione negli Stati Uniti

La battuta di arresto costringe inevitabilmente Johnson & Johnson a rivedere il calendario delle consegne negli Stati Uniti. Non dovrebbero esserci invece problemi e soprattutto ritardi per quanto riguarda la distribuzione in Europa.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

L’importanza del vaccino monodose

Il vaccino rappresenta una valida arma nella lotta al Covid. Si tratta infatti del primo vaccino monodose. In poche parole l’immunità si ottiene con una sola somministrazione. Gli altri vaccini in circolazione invece diventano effettivamente efficaci dopo due somministrazioni. J&J dovrebbe quindi accelerare la campagna di vaccinazione.

Nel Lazio al via dal 20 aprile la somministrazione del vaccino in farmacia

In Italia il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha comunicato che dal prossimo 20 aprile inizierà la somministrazione del vaccino J&J in farmacia. Nella prima le dosi saranno somministrate alle persone di 64 e 65 anni. Un altro passo nella lotta all’emergenza sanitaria.

TAG:
vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 01-04-2021


Mancano dosi di AstraZeneca, il Lazio rischia di dover sospendere le vaccinazioni

Verso il nuovo monitoraggio Iss, le Regioni che potrebbero cambiare colore dopo il lockdown di Pasqua