Il governo si prepara a votare in Aula provvedimenti molto importanti come la legittima difesa e il decretone. Ecco quando saranno.

ROMA – Il testo sulla legittima difesa era atteso a breve alla Camera ma l’arrivo del testo – secondo quanto riporta l’ANSA – potrebbe slittare almeno di una settimana. E’ questo quanto si apprende da fonti parlamentari M5s con il rinvio che sarebbe dovuto ad un problema tecnico. Il calendario dei lavori vede questo decreto legge al secondo punto dell’ordine del giorno e per questo si chiede di aspettare.

Dalla Lega comunque frenano parlando di una decisione definitiva nelle prossime ore. Il Carroccio non ha intenzione di rinviare troppo la legge sulla legittima difesa anche per cercare di portare a casa uno dei pilastri della campagna elettorale. Ricordiamo che dopo l’approvazione della Camera il testo passera al Senato prima del via libera definitiva.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Camera dei deputati
Camera dei Deputati (fonte foto: https://www.facebook.com/pg/Cameradeideputati/)

Decretone, il Senato si prepara a votare gli emendamenti senza fiducia

Se per quanto riguarda la legittima difesa bisognerà aspettare un po’, per il decretone si va di corsa almeno secondo le parole del capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo, riportate dall’ANSA: “Ci aspetta un bel lavoro – dichiara – ma nessuna fiducia come qualcuno ha paventato, si votano gli emendamenti in Aula. Siamo in attesa che vengano valutati i sub emendamenti e gli emendamenti del Governo. Quindi tempi tecnici per l’esame in commissione e poi inizia la discussione generale in Aula e tra domani e mercoledì dovremo chiudere la partita. I sub emendamenti sono circa 90, quelli presentati dal governo, gli emendamenti complessivi sono più di mille“.

Palazzo Madama nelle prossime ore dovrebbe cominciare ad approvare decreto per decreto con la maggioranza che si aspetta di avere l’approvazione del Senato entro questa settimana. Se i tempi si dovessero allungare possibile la richiesta di fiducia al maxi-emendamento.


Tria: “Nessuno investe in Italia se il governo cambia i patti”. Duro Toninelli: “Rispetti il contratto”

Beppe Grillo: “Questi giovani della Lega non sono poi così co…”