Il Pd ha sancito la fine dell’alleanza con i 5 stelle ma esclude anche Italia Viva. Punta su Sala e Di Maio.

Letta non ha dubbi sulla fine, come aveva promesso, dell’alleanza con il M5S. Cercare di recuperare, ancora – un sodalizio ormai giunto al termine da tempo sarebbe incoerente. Non sarebbe corretto per l’elettorato allearsi con una forza che ha fatto cadere il governo e che Letta ha accusato di aver “tradito il paese”. Così ripensa a nuove alleanze.

Il timore di Letta verso il Centro è che possa diventare un’alleanza a trazione centrista e non di sinistra. Ma il tempo stringe e per ripensare alle alleanze scorre velocemente perché manca poco per chiudere le liste. Con il M5S la storia è finita e lo stesso con Renzi. Per Letta le condizioni per trovare un accordo con Italia Viva non ci sono per la sua ambiguità, cosa che frena in questo senso anche Calenda che chiude le porte a tutti.

CARLO CALENDA
CARLO CALENDA

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il leader di Azione boccia anche il nuovo campo largo di Letta

Letta più che altro pensa che Renzi invece di portare voti potrebbe farli dirottare altrove. Mentre sarebbe pronto ad allearsi con Carlo Calenda, già federato con +Europa di Emma Bonino. Il veto del leader di Azione sul Pd riguardava soprattutto la loro alleanza con i grillini e forse ora che non ci sono più, qualche chance Letta potrebbe averla.

Per ora il campo largo della sinistra prevede il Pd circondato da Articolo 1, Sinistra Italia e Verdi al momento. Se vorranno ci sarà posto anche per Azione e +Europa. Ma se Calenda preferirà correre da solo come ha ribadito più volte, Letta virerà sul nuovo partito ecologista di Sala e Di Maio, l’unico superstite dei grillini. Il leader di Azione ha dichiarato di non voler prendere parte ad una ammucchiata anti-sovranista.

Per Calenda non basta che Letta abbia reciso finalmente con i 5 stelle. Non ha intenzione di partecipare ad un campo largo dove ci sono persone con idee contrapposte alle sue come chi è contrario ai rigassificatori o personalità ambigue come Di Maio.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-07-2022


I tre governisti lasciano FI, Berlusconi: “riposino in pace”

Elezioni il 25 settembre: le tappe di una campagna estiva