La lettera di Papa Francesco al prete degli omosessuali: “Tu sei un sacerdote per tutti e per tutte”.

ROMA – Una lettera di Papa Francesco al prete degli omosessuali potrebbe chiudere definitivamente la partita sul ddl Zan. Il Pontefice, come riferito dall’Ansa, ha inviato una missiva al padre gesuita James Martin in occasione del webinar Outreach 2021.

Una missiva che sembra confermare la posizione tenuta da diverso tempo dal Vaticano. Nessuna contrarietà al provvedimento contro l’omofobia ma un invito a considerare la misura ed effettuare alcune modifiche rispetto al testo iniziale.

La lettera di Papa Francesco

Nella missiva il Pontefice ha ricordato che “lo stile di Dio ha tre atti: vicinanza, compassione e tenerezza. Questo è il modo in cui si avvicina a ciascuno di noi. Pensando al tuo lavoro pastorale, vedo che cerchi continuamente di imitare questo stile di Dio. Tu sei un sacerdote per tutti e tutte, come Dio è Padre di tutti e di tutte“.

Prego per te – ha aggiunto Bergoglio – affinché tu possa continuare in questo modo, essendo vicino, compassionevole e con molta tenerezza. Ti ringrazio per la tua capacità di essere vicino alle persone […]. Prego per i tuoi fedeli, i tuoi parrocchiani, tutti coloro che il Signore ha posto accanto a te perché tu ti prenda cura di loro, li protegga e li faccia crescere nell’amore del nostro Signore Gesù Cristo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Papa Francesco
Papa Francesco

La battaglia sul ddl Zan

Una lettera che potrebbe mettere la parola fine allo scontro tra Stato e Chiesa sul ddl Zan. Dal Vaticano nei giorni scorsi l’invito ad una modifica al provvedimento, ma la Santa Sede ha sempre precisato di non essere mai stato contro questo provvedimento.

La partita su questa misura è ancora aperta. Ma il Vaticano ha precisato di non volersi sedere ad un tavolo della trattativa visto che la decisione definitiva spetta al Governo.


Giallo a Torino, 52enne ucciso con una coltellata in testa

Italia Zona Bianca dal 28 giugno e via le mascherine all’aperto. Le regole