Quando e come scrivere una lettera per ottenere un anticipo del TFR

Lettera di richiesta TFR al datore di lavoro: per sollecitare il versamento del TFR o per chiedere in anticipo una percentuale di esso per far fronte a spese improvvise.

Perché chiedere un anticipo sul TFR?

Il Trattamento di Fine Rapporto spetta a tutti i lavoratori che per un motivo qualsiasi abbiano interrotto il proprio rapporto lavorativo con un datore di lavoro. Il TFR o liquidazione va versato entro i 30 o i 45 giorni dalla fine del rapporto di lavoro, a seconda di quale sia il contratto firmato dalle parti.
Vi sono diversi motivi che possono indurre un lavoratore a chiedere una parte della liquidazione prima dell’interruzione del rapporto lavorativo, scalando la somma anticipata da quella totale. Far fronte a spese sanitarie improvvise o a una necessaria ristrutturazione della prima casa.
Secondo la legge vigente un lavoratore è in diritto di chiedere fino al 70% del totale della liquidazione come  per motivazioni che siano ritenute valide. Il TFR di cui si richiede la percentuale equivale a quello che il lavoratore percepirebbe se interrompesse il suo rapporto di lavoro nel momento in cui sta chiedendo l’anticipo.
Può richiedere un anticipo sul proprio TFR tutti cloro che possano vantare almeno 8 anni di servizio. E’ inoltre possibile fare richiesta di anticipo sul TFR una volta sola se il TFR di cui si chiede un anticipo è stato lasciato a disposizione dell’azienda datrice di lavoro.

Lettera di richiesta di anticipo TFR al datore di lavoro: come scriverla e quali documenti allegare

Una lettera in cui si richiede un anticipo sul TFR va indirizzata al Direttore del Personale della propria azienda in questa forma.

Al Sig. Direttore del Personale
per la sede ___________ (nome dell’azienda e ubicazione della sede)

Oggetto. domanda anticipazione TFR

Il sottoscritto _____________, nato a _______ il __________ e residente a _______ in via ___________, dipendente dell’azienda dal ___________ chiede, ai sensi dell’articolo 1 della legge 29 Maggio 1982 n. 297, un’anticipazione sul TFR nella misura del ____% per le seguenti necessità: ______________

Si pone in allegato la certificazione probatoria.
Firma del dipendente
Luogo e data

Si intende per certificazione probatoria l’insieme dei documenti che servano a comprovare che le necessità del dipendente siano gravi e reali: un certificato medico che attesti la necessità di specifiche cure, una valutazione della solidità della casa firmata da un architetto o da un ingegnere accreditato, e così via.

 

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 22-02-2017


Pignoramento mobiliare come si verifica

Formulario atto di Pignoramento presso terzi