Italia, dopo la lettera Ue si rischia la procedura di infrazione

Lettera Ue all’Italia, c’è il rischio di una procedura di infrazione

Dopo la lettera Ue e la contro-risposta di Roma, da Bruxelles potrebbe essere avviata una procedura d’infrazione contro l’Italia.

BRUXELLES – La lettera Ue rivolta all’Italia non ha prodotto i risultati sperati dalla Commissione Juncker. Il Governo di Roma, infatti, ha replicato senza mettere in discussione i provvedimenti sotto la lente di ingrandimento di Bruxelles.

Rischio procedura di infrazione

La Commissione Europea si riunirà quest’oggi e per l’Italia è molto alto il rischio di un giudizio negativo: in tal caso, l’organismo comunitario raccomanderà ai governi Ue di avviare una procedura di infrazione contro Roma. Il messaggio che Juncker recapiterà al governo Conte è che “l’Italia ha una spesa in salita e il suo ammontare impedisce di stabilizzare l’economia in caso di crisi finanziarie“.
Da Bruxelles si imputa al Belpaese di aver sforato le regole sul deficit per almeno 11 miliardi: in pratica, il rapporto deficit/Pil nel 2020 sfonderà il livello del 3,5%, oltre i parametri di Maastricht.
Roma potrebbe subire immediatamente lo stop dei fondi strutturali Ue e vedersi inflitta una sanzione pari allo 0,2% del Pil (3,5 miliardi di euro).

Juncker
Fonte foto: https://www.facebook.com/JunckerEU

Quota 100 e reddito di cittadinanza

I motivi principali di questo sforamento nei conti, come sostenuto nella lettera Ue, sono quota 100 e il reddito di cittadinanza. I due provvedimenti – il primo tanto caro alla Lega, il secondo al M5S – non avrebbero migliorato il Pil ma anzi appesantito il bilancio dello Stato.

Giovanni Tria
Roma 09/11/2018 – Il Ministro dell’Economia incontra il Presidente dell Eurogruppo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giovanni Tria

Colpa di Gentiloni?

Alla lettera Ue, il governo di Roma ha replicato sostenendo a propria difesa che – essendo sotto accusa anche il 2018 – il peggioramento sia dovuto in buona parte alla gestione del governo Gentiloni e al rallentamento globale dell’economia. Allo stato dell’arte, le prospettive dell’Italia non appaiono positive, come evidenzia lo spread.

ultimo aggiornamento: 05-06-2019

X