Nato il 13 febbraio 1956 a Dublino, Liam Brady è sbarcato in Italia nel 1980 alla Juventus. Dopo due scudetti, ha lasciato il posto a Platini.

Liam Brady compie 65 anni. L’ex calciatore irlandese è infatti nato a Dublino il 13 febbraio 1956.

Gli anni all’Arsenal

Cresciuto calcisticamente dapprima nel St. Kevin’s Boys e poi nello Home Farm, gli scout dell’Arsenal lo notano nel 1971, acquisendone i diritti. Con i Gunners firma il primo contratto professionistico, debuttando il 6 ottobre 1973 contro il Birmingham. Nel 1979 viene premiato come calciatore dell’anno della Premier League: è un’annata super per il trequartista mancino che vince l’FA Cup. L’anno seguente approda alla finale di Coppa delle Coppe, dove l’Arsenal viene sconfitto dal Valencia.

https://www.youtube.com/watch?v=c0tWnbiVLZU&ab_channel=LUCAPIZZEGHELLA

Liam Brady alla Juventus

Nel 1980 la Serie A riapre le frontiere. E Liam Brady sbarca in Italia grazie al lavoro di Gigi Peronace, uomo di calcio che sviluppò i rapporti Oltremanica. Lo acquista la Juventus che gli affida la maglia numero 10. Con la formazione di Trapattoni il giocatore vince due scudetti consecutivi, segnando peraltro nel 1982 il rigore decisivo a Catanzaro. Quando la Vecchia Signora ingaggia Michel Platini e Boniek le porte per l’irlandese si chiudono.
Passato alla Sampdoria, giocherà anche con l’Inter e l’Ascoli prima di tornare in Inghilterra per chiudere la carriera con il West Ham.


Roma, Petrachi vince la causa: licenziamento ingiusto, risarcimento di 5,1 milioni

Inter-Lazio, Conte: “A Torino ho reagito in modo sbagliato. Ora parliamo di calcio”