Chiuse le liste per le prossime amministrative e non mancano candidati a sorpresa. E tra i consiglieri spunta anche Pippo Franco.

ROMA – Le liste per le prossime amministrative sono ormai chiuse e non mancano candidati a sorpresa. A Roma, per esempio nella corsa a sindaco ci sono ben 22 persone anche se la corsa resta a quattro con Michetti, Calenda, Raggi e Gualtieri.

Il candidato del Centrodestra ha deciso di inserire in lista Pippo Franco, ma anche Antonio Di Carlo, Angelo Gregucci e Ubaldo Righetti, che fino a qualche anno fa davano spettacolo in campo. Al fianco di Gualtieri, invece, Angela Melillo. Virginia Raggi ha ricevuto il sostegno di Alfonso Pecorario Stanio.

Chitarrista dei subsonica a Torino

A Torino il nome a sorpresa è sicuramente Max Casacci. Il chitarrista dei Subsonica ha deciso di scendere in campo al fianco di Francesco Tresso e la lista civica di Tonino Damiani. In campo anche il Movimento Ambientalista Torino che candida Roberto Salerno. Presenti anche tre liste no vax e il primo partito gay con Davide Betti Balducci.

A Milano in corsa due candidati No Vax come Todosio De Bonis e Natale Azzaretto, due nomi sicuramente non ipotizzabili alla vigilia. Nel capoluogo lombardo sono 13 le persone che hanno deciso di correre per il ruolo di sindaco.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Elezioni Coronavirus
Elezioni Coronavirus

Si vota il 3-4 ottobre

La tornata elettorale è stata fissata il 3-4 ottobre. Gli italiani saranno chiamati a votare il sindaco in diverse città, ma le urne saranno aperte anche in Calabria per l’elezione del nuovo presidente della Regione dopo la morte di Jole Santelli.

In molti centri si andrà a votare anche dopo 15 giorni per il ballottaggio. Si tratta di un appuntamento sicuramente importante anche in ottica nazionale. Il Centrodestra spera di poter ottenere risultati importanti, ma anche Pd, M5s sono a caccia di conferme dopo gli anni scorsi.

ultimo aggiornamento: 04-09-2021


Tamponi gratuiti, Green Pass e vaccini: le proposte della Lega al governo

Il Green Pass anche su autobus e metropolitane, il governo ci pensa