Adesso le reliquie si trovano a Buckingham Palace, residenza ufficiale della regina, situato nella capitale inglese, Londra.

Nella giornata di ieri, 14 settembre, la salma della regina Elisabetta ll è arrivata alla camera ardente. Successivamente il feretro della sovrana è arrivato a Londra, a Buckingham Palace, la sua residenza ufficiale. Adesso, per quattro giorni la sovrana verrà salutata dai sudditi inglesi. Nella giornata di lunedì 19 settembre si terranno i funerali di Stato.

La regina sarà quindi per l’ultima volta a Buckingham Palace. I suoi sudditi l’hanno accompagnata per le strade della città, applaudendo al passaggio del feretro. Il lungo regno della regina Elisabetta ll, durato ben 70 anni, è stato il più longevo della storia britannica.

Buckingham Palace

Adesso le reliquie si trovano nel palazzo, residenza ufficiale della regina, situato nella capitale inglese. Ad appena 26 anni Elisabetta ll salì al trono di San Giacomo, nel 1952. Oltre 26 mila persone hanno salutato nella cattedrale scozzese la defunta regina. La bara è poi partita la centro di Edimburgo, dove la bara della regina Elisabetta ll è partita, avvolta dallo stendardo reale, per poi essere trasferita in aeroporto.

La bara è stata caricata su un cargo C-17 Globemaster della RAF a bordo del quale è salita la figlia, principessa Anna, per il tragitto verso la base di Northolt, dove è atterrato alle 18.45 (ora di Londra). Dopo i quattro giorni in cui la regina verrà salutata dai suoi sudditi, la sua salma verrà posta accanto ai resti del principe consorte Filippo, morto quasi centenario nell’aprile 2021. I due erano sposati da ben 73 anni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gli invitati al funerale

Per il giorno del funerale sono già stati invitati oltre 500 dignitari stranieri, da tutto il mondo. Tra questi capi di Stato e di governo, come il leader della Casa Bianca, Joe Biden per gli Usa. Per quanto riguarda l’Italia, il presidente Sergio Mattarella. Ci saranno anche il presidente francese Emmanuel Macron, l’imperatore giapponese Naruhito, il presidente israeliano Isaac Herzog.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-09-2022


Von der Leyen: “La guerra di Putin è contro di noi”

Mattarella: “All’Italia serve un lavoro di squadra”