Fisco, la sfida di Tria: migliorare la lotta all’evasione

Fisco, il ministro Tria ha firmato l’Atto di indirizzo per le politiche fiscali 2019-2021. Al primo posto c’è la lotta all’evasione.

ROMA – Il rilancio dell’economia passa dalla lotta all’evasione fiscale. E’ questo il riassunto dell’Atto di indirizzo per le politiche fiscali 2019-2021 firmato dal ministro Tria nei giorni scorsi. In cima a questo documento troviamo proprio la battaglia a tutte le persone che non pagano le tasse.

“Per realizzare un sistema più equo e favorevole alla crescita – si legge nel documento riportato da Il Fatto Quotidiano – bisogna migliorare la lotta all’evasione, in modo da ridurre la perdita di gettito e abbassare così la pressione fiscale sui contribuenti che adempiono spontaneamente agli obblighi”. Un obiettivo non semplice da raggiungere entro la prossima legge di bilancio visto che tra i piani della Lega c’è sempre la Flat Tax: “E’ obbligatorio farla al più presto – rilancia Salvini – come da contratto di governo, senza dubbi o ritardi”.

Giovanni Tria
Giovanni Tria

Fisco, Tria sfida le persone che non pagano le tasse: al primo posto la lotta agli evasori

Il documento firmato da Tria mette al primo posto la lotta all’evasione con l’obiettivo di consolidare la governance dell’amministrazione fiscale , con un maggiore e più efficace coordinamento generale. Ma viene posta grande attenzione anche sulla volontà di modernizzare il rapporto tra Fisco e contribuente che ha come obiettivo stimolare l’assolvimento spontaneo degli obblighi.

Ma uno sguardo viene dato anche alle imprese oltre che all’importanza della legalità negli ambiti di competenza, per proteggere cittadini, imprese e territorio. Il MEF ha delineato la politica fiscale per il prossimo biennio ma molto dipenderà dalla legge di bilancio. La tensione al Governo continua ad essere molto alta e sicuramente non sarà semplice trovare un accordo anche su questo argomento che potrebbe presentare delle divergenze all’interno della maggioranza giallo-verde. I prossimi vertici a Palazzo Chigi potrebbero servire a capire meglio come affrontare il rilancio dell’economia italiana.

ultimo aggiornamento: 04-05-2019

X