Luciano Spalletti scalda il derby: “Ancelotti si sarà ricordato del suo passato, quella vittoria non conta niente…”

Luciano Spalletti e la pretattica della disperazione: “Bayern Monaco-Milan? Mi sembra che dei rossoneri non ci fosse nessuno dei nuovi, la partita non conta niente…”.

chiudi

Caricamento Player...

I tifosi dell’Inter sono preoccupati dal Milan, dalla sua campagna acquisti e dalla vittoria sul Bayern Monaco? Beh ragazzi, se si va a considerare anche il risultato ottenuto dopo sette giorni di allenamento… Io do un valore importantissimo al modo di lavorare, non ai risultati ottenuti altrimenti diventa un problema. Il Milan inoltre ha fatto giocare diversi ragazzi, Ancelotti probabilmente si sarà ricordato di essere stato quell’allenatore lì. Avranno fatto bene sicuramente, io visto solo degli spezzoni. Mi è sembrato che non ci fosse nessuno di quelli nuovi, quindi non conta niente. Conta quello che riusciremo a fare noi“. Con queste dichiarazioni ai microfoni di Mediaset Premium Luciano Spalletti si presenta al pubblico milanista nelle vesti di allenatore dell’Inter, scaldando già il clima derby.

Luciano Spalletti e la malcelata preoccupazione

Impossibile non scorgere un velo (abbastanza spesso in realtà) di preoccupazione nelle dichiarazioni di Luciano Spalletti, il quale ha voluto in fretta e furia ridimensionare il Milan visto contro il Bayern Monaco. Sicuramente le indicazioni del calcio d’estate vanno prese con le molle, ma sempre – per onestà – rimanendo nell’analisi dei fatti, e di fronte ai gol di Kessiè e Calhanoglu e agli assist di Ricardo Rodriguez (tutti nuovi) ci vuole coraggio per dire che non ci fosse nessuno di quelli nuovi. Speriamo per l’Inter che quella di Spalletti fosse solo una tattica, altrimenti il consiglio è quello di visionare meglio le future avversarie.