Lucinda Riley è morta all’età di 55 anni dopo una lunga malattia. La scrittrice era da tutti considerata la regina del romanzo rosa.

LONDRA (INGHILTERRA) – Il mondo della letteratura e della cultura piange Lucinda Riley, scrittrice morta all’età di 55 anni nella giornata di venerdì 11 giugno. L’autrice da anni stava combattendo con il cancro e le sue condizioni erano peggiorate nelle ultime settimane.

Addio a Lucinda Riley, l’annuncio della famiglia

A comunicare la morte della scrittrice è stata la stessa famiglia con una nota riportata dal Corriere della Sera: “E’ con grande dispiacere che siamo a comunicare che Lucinda si è spenta serenamente questa mattina (venerdì 11 giugno) circondata dalla sua famiglia che era per lei così importante. Ci rendiamo conto che questo sarà un terribile shock per molte persone, che non erano al corrente che Lucinda negli ultimi quattro anni stava combattendo contro il cancro“.

Ambulanza
Ambulanza

Chi era Lucinda Riley

Nata a Lisburn (in Irlanda) il 16 febbraio 1966, Lucinda Riley ha iniziato la sua carriera da attrice e solo successivamente si è dedicata al mondo della scrittura. Il primo libro è stato pubblicato all’età di 24 anni e successivamente i suoi romanzi sono stati tradotti in 37 lingue e venduti oltre trenta milioni di copie in tutto il mondo.

Il grande successo è arrivato con Le sette sorelle, lavoro arrivato in Italia con la Giunti Editorie. La serie è diventata in poco tempo un fenomeno globale tanto da dare vita al cosiddetto romanzo rosa e soprattutto nelle prossime settimane è attesa una grande serie televisiva. L’ultimo volume di questo lungo e impegnativo lavoro continua ad essere tra i libri più venduti e soprattutto qualche settimana fa in meno di una settimana aveva superato le 40mila copie in tutti gli store. La scomparsa della Riley lascia un vuoto incolmabile nel mondo della letteratura anche se i suoi libri consentiranno alla scrittrice di essere conosciuta anche dalle generazioni future.


Quali sono le regioni in zona gialla, arancione e rossa

Covid, seconda dose con un vaccino diverso: i rischi e gli effetti collaterali. Cosa dicono i dati