Spari a Macerata, l’uomo: “Ho sentito la storia di Pamela e ho preso la pistola”

Paura a Macerata: una persona ha sparato da un’auto ferendo alcune persone, tra cui alcuni stranieri. Arrestato dai carabinieri.

AGGIORNAMENTO 13:32 – Gli investigatori hanno arrestato la persona autore di questa sparatoria. Si tratta di Luca Trani, 28 anni, originario delle Marche. L’uomo, prima di essere fermato è sceso dall’auto, si è tolto il giubbetto, ha indossato una bandiera tricolore sulle spalle, salendo sui gradini del Monumento. Si è poi girato verso la piazza, ha fatto il saluto fascista. Non ha opposto resistenza all’arrivo dei carabinieri ammettendo di essere stato lui a sparare. Tra i feriti troviamo anche due persone straniere.

MACERATA – A pochi giorni dal brutale omicidio della giovanissima Pamela Mastropietro, Macerata cade ancora una volta nel terrore. Nella mattinata odierna una serie di colpi di pistola sono partiti da un’auto in corsa per le strade della cittadina marchigiana. Nell’Alfa Romeo 147 nera ci sarebbero due persone a bordo che stanno girando per la città. Al momento vengono segnalate quattro persone ferite.

Sparatoria a Macerata, il sindaco: “Restate a casa fino a nuova comunicazione”

Gli inquirenti sono al lavoro per cercare di capire la dinamica e le motivazioni del gesto. Polizia e carabinieri hanno attivato posti di blocco in vari punti della città. Secondo le prime indiscrezioni gli obiettivi dovrebbero essere le persone di colore. Il sindaco, Romano Carancini, intanto dai profili social del Comune ha lanciato un appello: “Restate tutti in casa fino a nuova comunicazione. C’è un uomo armato in auto che sta sparando in città. Abbiamo fermato il trasporto pubblico, abbiamo chiesto alle scuole di tenere i bambini all’interno fino a nuova comunicazione. Si consiglia di non muoversi per andare a prenderli fino a nuova comunicazione“.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 04-02-2018

Francesco Spagnolo

X