Albania, opposizioni in piazza contro il governo. Assaltato il palazzo governativo, manifestanti respinti dalla polizia e dagli uomini della Guardia Repubblicana.

Anche l’Albania scende in piazza cavalcando l’onda delle manifestazioni che stanno agitando tutta l’Europa ma non solo, come testimoniato dalle tensioni in Venezuela tra Guaidò e Maduro.

Manifestazione in Albania, opposizione in piazza contro il Governo di Edi Rama

A Tirana l’opposizione capitanata da Lulzim Basha si è radunata in piazza per manifestare contro il governo guidato da Edi Rama, di estrazione socialista.

Tirana (Albania)
Tirana (Albania)

I manifestanti chiedono un governo ad interim che possa condurre la nazione a elezioni anticipate che siano conformi agli standard imposti dall’Europa. Come per il Venezuela, anche l’opposizione albanese ha denunciato elezioni irregolari e non libere.

Inoltre il governo in carica è accusato di essere corrotto e non adatto a guidare il Paese. Stando alle informazioni fornite dalla stampa locale, in strada si sarebbero riversate centomila persone circa, numeri con i quali il governo dovrà fare i conti.

Dall’Unione europea e dall’America l’invito ai manifestanti è quello di mantenere pacifica la protesta, invito caduto (almeno parzialmente) nel vuoto già a poche ore dall’inizio della manifestazione.

Manifestanti prendono d’assalto la sede del governo: respinti dagli uomini della Guardia Repubblicana

Nel corso della manifestazione, un gruppo di persone ha preso d’assalto la sede del governo. Il manipolo di uomini ha provato a sfondare la porta d’ingresso della sede del palazzo di governo.

I manifestanti sono stati respinti dalla polizia e dagli uomini della Guardia Repubblicana che ha fatto ricorso al lancio di lacrimogeni per disperdere gli assalitori.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
albania esteri evidenza Tirana

ultimo aggiornamento: 16-02-2019


Spagna, scatta l’allarme nel mondo del cinema a luci rosse: riprese sospese in tutta Europa

Stati Uniti, centinaia di persone in piazza contro l’emergenza nazionale