Roberto Mancini richiama in nazionale Mario Balotelli, la gioia nelle parole di Vincenzo Montella suo allenatore nell’Adana Demirspor.

Mario Balotelli torna in nazionale grazie ad una stagione convincente in Turchia nella squadra allenata da Vincenzo Montella. Nell’Adana Demirspor, Mario Balotelli ha ottenuto in 21 presenze la bellezza di 9 reti tra campionato e Coppa di Turchia. La situazione degli attaccanti centrali della nazionale italiana ha indotto Roberto Mancini nel dare l’ennesima possibilità all’attaccante ex Monza. Montella nell’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport, ha voluto commentare il ritorno di SuperMario in nazionale.

Mario Balotelli

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Balotelli in Nazionale: parla Montella

Alla domanda se il merito sia dell’allenatore, Montella riferisce che “il merito è soprattutto suo di Mario”. Aggiunge che questa chiamata è solo un mezzo per arrivare al Mondiale di fine anno. Molto felice lo stesso Montella che definisce di aver provato la stessa gioia di quando veniva convocato egli stesso in nazionale. Inoltre, rivela di aver fatto insieme allo staff un bel lavoro per riportare Balotelli in forma fisica.

Vincenzo Montella riferisce che le qualità tecniche di Mario Balotelli non sono mai mutate. Rimarcando come abbia segnato con un tiro da trenta metri da fermo nell’ultima partita disputata a dicembre. Inoltre, sabato scorso al rientro in campo, ha già segnato e servito un assist da 40 metri. Riguardo l’età, Montella ammette che Balotelli all’età di 31 anni, non ha più tempo da perdere. Montella rivela cosa è stato fondamentale “si sono unite due grandi voglie, quella di ripartire e rialzare la testa”. Non resta che attendere per vedere se l’ultima possibilità data a Mario Balotelli sia quella giusta, per poter ambire a disputare i playoff del Mondiale da protagonista.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 25-01-2022


Inter, esterno sinistro: i dettagli per Robin Gosens dell’Atalanta

Inter, Christian Eriksen: la rescissione porta in dote una minusvalenza