Marc Marquez ritorna in pista a Portimao. Un test per capire se potrà essere presente a Sepang.

PORTIMAO (PORTOGALLO) – Marc Marquez ritorna in pista a Portimao. Dopo l’infortunio di allenamento e la stagione finita in anticipo, lo spagnolo ha deciso di anticipare i test per capire la condizione e valutare la possibilità di essere presente a Sepang con il resto della squadra.

Al momento l’ipotesi di un ritiro o di un rientro più tardi del previsto sembra essere definitivamente svanito, ma i dubbi sono diversi e per questo motivo le settimane prossime saranno decisive.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Marc Marquez presente ai test di Sepang?

Difficile in questo momento ipotizzare una presenza di Marquez ai test di Sepang in programma nei primi di febbraio. Lo spagnolo spera di essere presente anche per iniziare a capire le reali potenzialità della moto, ma allo stesso tempo non è da escludere un rinvio di qualche giorno per essere nelle condizioni migliori.

Il confronto con il suo staff è in corso e i dubbi saranno sciolti solamente nelle prossime settimane dopo un dialogo sia con i medici che con la squadra. In caso di forfait, possibile spazio per Bradl o Lecuona.

Marc Marquez
Marc Marquez

Lo spagnolo al via la prossima stagione

Il rientro in pista consente di guardare con maggiore fiducia al futuro. In passato in molti avevano ipotizzato un ritiro da parte dello spagnolo, ma Marquez non ha mai aperto a questa ipotesi, anzi ha fatto di tutto per poter continuare la sua esperienza in MotoGP.

Ora resta da capire la sua competitività. La speranza di tutti è quella di poterlo vedere nuovamente in lotta per il titolo, ma i dubbi sono diversi e molto dipenderà dalle condizioni fisiche. Ma in questo momento è difficile dirlo visto che c’è tempo prima dell’inizio della stagione e ci aspettiamo la pista destinata a dare l’ultima parola.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-01-2022


Come vendere un’auto usata. Ecco alcuni consigli pratici

Tesla, pericolo hacker