Ormai quasi inesistente l’utilizzo delle mascherine, ma in alcuni luoghi l’obbligo è ancora da rispettare soprattutti per i fragili.

Nonostante in estate sia inusuale l’utilizzo delle mascherine, esse sono ancora raccomandate per proteggere categorie fragili e restano obbligatorie per accedere in luoghi come le strutture sanitarie. Ma dove esattamente resterà l’obbligo dell’utilizzo dei dispositivi di protezione e quale tipologia a seconda delle circostanze? Ecco tutti i luoghi in cui servono ancora.

Mascherine in tessuto
Mascherine in tessuto

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La situazione attuale

Ad oggi non esiste più nessun obbligo sull’utilizzo delle mascherine. Da mesi è ormai nullo per viaggiare in aereo e dal 30 settembre scadrà anche l’obbligo su mezzi pubblici come bus, tram e treni. Per i soggetti fragili però resta super raccomandata la tutela per la salute, anche sui mezzi pubblici e i luoghi particolarmente affollati.

Sebbene fino alle prime settimane di settembre sembrava aver subìto un calo drastico dei contagi, nella settimana 14-20 settembre in Italia c’è stato un aumento di 120.057 nuovi casi. Nonostante la pericolosità del virus e delle sue sottovarianti in costante aumento non sia altamente preoccupante, il Paese resta allerta per non rischiare ulteriori contagi. Così, in alcune situazioni, le mascherine restano ancora obbligatorie o quantomeno fortemente consigliate.

Dove usarle?

Fino al 30 settembre resiste l’obbligo di mascherine Ffp2 su tutti i mezzi pubblici per il trasporto sia locale che interregionale. Si tratta quindi di navi e traghetti, treni di tipo interregionale, autobus, i mezzi di trasporto scolastico per gli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado. Nel caso di voli aerei e funivia invece, non c’è l’obbligo della mascherina.

Resta ancora l’obbligo in ospedali e strutture sanitarie. Per i lavoratori, gli utenti e i visitatori di tali complessi, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti, e tutte le strutture residenziali per anziani, vige l’obbligo di indossare la mascherina, anche quella chirurgica. Presente ancora obbligo di Super Green Pass.

Per il settore del lavoro privato, l’obbligo di mascherina per i colleghi che non possono rispettare la distanza di sicurezza, è previsto fino al 31 ottobre. Invece per il settore pubblico si esclude l’utilizzo della mascherina negli uffici ma raccomanda l’uso della mascherina Ffp2 in caso di: contatto con il pubblico sprovvisto di idonee barriere protettive, per chi condivide spazi comuni e affollati, soprattutto con personale “fragile”.

Nelle scuole decade ormai l’obbligo di indossare dispositivi di protezione per insegnanti e personale scolastico, ma resta per alunni e soggetti fragili. Le Università hanno riammesso l’obbligo delle mascherine, con forti raccomandazioni in particolari regioni come: Bologna, Firenze, Padova, Pisa e Torino.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-09-2022


Elezioni, a poche ore dal voto nel silenzio elettorale

Elezioni 2022: tutto quello che c’è da sapere prima di votare