Mattarella premia i 33 eroi del 2018: i nomi e le motivazioni

Mattarella premia i 33 eroi del 2018: ecco chi sono i cittadini straordinari

Mattarella premia gli eroi del 2018: il riconoscimento a 33 cittadini (e cittadine) che si sono distinti nel corso dell’anno.

Il 2018 si chiude quasi formalmente con la consegna dei riconoscimenti da parte di Mattarella e 33 cittadini che nel corso dell’anno si sono distinti per atti di eroismo, inteso come atti socialmente utili da cui la popolazione, lo Stato o la società hanno tratto benefici.

Gli eroi del 2018 premiati da Mattarella

Tre gli altri, Mattarella ha voluto premiare Riccardo Muci, agente della Polizia Stradale che, in occasione dell’incidente sull’A14 dello scorso 6 agosto, iniziò ad aiutare le persone mettendo a repentaglio anche la propria incolumità. La tragica esplosione della cisterna sul tratto autostradale avrebbe causato la morte di una persona e il ferimento di altre centoquaranta, rimaste intrappolate nell’inferno di fuoco e lamiere.

Premiata anche Irma Dall’Armellina, che a 93 anni non ha voltato le spalle alla propria vocazione e ha trascorso tre settimane in Kenya prendendo parte a una missione umanitaria.

Tra i 33 c’è anche Fabio Caramel, calciatore dilettante dello Spinea che a 26 anni ha “testimoniato in prima persona il valore e la responsabilità della scelta di donare il midollo“, saltando una delle partite più importanti del suo campionato scegliendo di sottoporsi all’intervento per la donazione del midollo a una donna malata.

Toccante anche la storia di Vito Massimo Catania, corridore professionista che, lasciata l’attività sportiva, continua a partecipare alle maratone ma per spingere le carrozzine dei disabili, cui regala la gioia di partecipare alla competizione mettendo a disposizione le sua gambe, i suoi polmoni e la sua gioia.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella (fonte foto http://www.quirinale.it/elementi/Elenchi.aspx?tipo=Foto)

Uno sguardo all’accoglienza e alla tolleranza

Premiata anche Maria Rosaria Coppola, la donna di sessantadue anni che sui mezzi pubblici di Napoli ha deciso di prendere le difese di un cittadino straniero, offeso da alcuni passeggeri italiani.

C’è anche Mustapha El Aoudi, il quarantenne marocchino venditore ambulante che ha salvato la vita a una dottoressa dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Crotone, aggredita da un uomo che l’aveva accusata della morte della madre. L’intervento di Mustapha è stato provvidenziale per la dottoressa e ha consentito di assicurare l’aggressore alla giustizia.

Di seguito l’elenco completo delle persone premiate e la motivazione dell’assegnazione del riconoscimento

ultimo aggiornamento: 30-12-2018

X