Renzi è ritornato ad attaccare M5s e Conte: “Grazie a noi l’Italia è guidata da Draghi e non dall’ex premier”.

GALLIPOLI (LECCE) – Matteo Renzi è ritornato ad attaccare M5s e Giuseppe Conte durante la presentazione del suo libro a Gallipoli. “Il Movimento – ha detto il leader di Iv riportato dall’Adnkronosè il nuovo attak: dove gli esponenti si siedono si incollano. Oggi mi chiedevano se ero preoccupato che Conte tolga la fiducia al Governo. Ma quando mai Di Maio si schioda? […]“.

Renzi: “Il Pd deve decidere cosa fare”

Il leader di Italia Viva ha utilizzato parole molto dure nei confronti dell’ex premier: “Noi nel governo precedente chiedevamo la svolta e l’allora primo ministro pugliese Rocco Casalino, ops Giuseppe Conte, faceva vinta di essere d’accordo e poi non cambiava nulla […]. I nostri ministri hanno avuto il coraggio di dimettersi e grazie a noi l’Italia è guidata da Draghi e non da Conte. Bisogna anche pensare di contare di meno per dare una mano al Paese […]“.

Per Renzi un passaggio sulla giustizia: “Per me Mario Draghi può essere davvero il nuovo leader europeo. Macron e la Merkel sono in difficoltà e la Brexit ci ha separato in inglesi, il nostro premier può diventare la figura di riferimento. Oggi Conte avrebbe detto che se non cambia la misura sulla giustizia se ne va. Il Pd seve scegliere se inseguire l’irresponsabilità di Conte o scegliere Draghi“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Renzi: “Ddl Zan a settembre”

Matteo Renzi ha parlato anche di ddl Zan e Pd: “La sinistra vuole rinviare il provvedimento a settembre. E’ questo il punto fondamentale: la differenza tra inseguire i like e fare politica. Noi la legge la vogliamo, altri fanno le bandierine. Letta? Non ho nulla contro di lui, ma aumentare la tassa di successione è sbagliato. In Italia le tasse sono alte, fateci morire gratis“.

ultimo aggiornamento: 25-07-2021


Bufera su Bernardo, pediatra candidato del Centrodestra a Milano: “Gira armato”. La replica: “Mai la pistola in corsia”

Caos in Tunisia, Saied licenzia il premier e congela il Parlamento ma dice: “Non è colpo di Stato”