Matteo Renzi, il piano è chiaro: svelato l'obiettivo dell'ex Premier
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Matteo Renzi, il piano è chiaro: svelato l’obiettivo dell’ex Premier

Matteo Renzi

Dopo le parole sul palco della 12esima edizione della Leopolda a Firenze, il piano di Matteo Renzi e i suoi pensieri sembrano essere chiari.

Sguardo alle Europee e intenti abbastanza chiari. Matteo Renzi sa ciò che vuole e anche come ottenerlo. Almeno questo è il pensiero di Libero che ha riassunto tutte le parole del leader di Italia Viva sul palco della Leopolda a Firenze spiegando nel dettaglio quale sia il piano dell’ex Premier che avrebbe messo nel mirino gli elettori di Forza Italia.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Matteo Renzi, il piano dell’ex Premier

“Matteo Renzi è a caccia di voti ed è convinto di poterli pescare al centro, nel bacino di Forza Italia e zone limitrofe”. Sono queste le parole riprese da Libero che sintetizza in questo modo la tre giorni della Leopolda e i discorsi fatti dal politico toscano.

Pare proprio che Renzi si senta l’unico in grado di prendere per davvero il timone che fu di Silvio Berlusconi. Da qui, l’obiettivo di attirare gli elettori di Forza Italia a sé mettendoli davanti alla scelta: lui o Tajani, attuale numero uno di FI.

“Forza Italia e Antonio Tajani hanno snaturato la visione europeista che in Berlusconi c’era e che oggi è diventata una visione da grigi burocrati quale è Antonio Tajani e quale è Ursula von der Leyen”, alcune delle parole del toscano alla Leopolda che hanno fatto capire il suo “mood“.

A chi fino ad oggi ha votato per Forza Italia, Renzi ha, di fatto, proposto “un centro alternativo al sovranismo della Meloni” con l’obiettivo, praticamente dichiarato, di superare quel 4% che serve, appunto, alle Europee.

Il sassolino che riguarda il padre

Nelle ultime ore, poi, proprio Renzi ha voluto togliersi quale sassolino dalle scarpe a seguito della sentenza sul caso Consip che ha visto tra gli assolti, anche suo padre, Tiziano.

La vicenda si è conclusa con due condanne e otto assoluzioni e, in questo senso, il leader di Italia Viva ha detto: “[…] Sette anni, i titoloni di tutti i giornali, i talk, un danno reputazionale infinito […]. Ci sarà qualcuno nelle redazioni, in Parlamento, nella classe dirigente di questo Paese che avrà finalmente il coraggio di chiedere SCUSA? […]”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2024 9:58

M5S, campo largo: Giuseppe Conte rischia la fine di Luigi Di Maio

nl pixel