Matteo Salvini a Crotone per presentare i candidati della Lega: “Crotone e la Calabria hanno bisogno di turisti, non di clandestini che portano il virus”.

Nella mattinata del 24 agosto Matteo Salvini si è recato a Crotone per la presentazione dei candidati della Lega. Il numero uno del Carroccio è tornato a parlare dell’emergenza migranti e delle condizioni della città, chiamata a votare Lega per un cambiamento.

Presenti anche alcuni contestatori, poche decine, che hanno accolto il leader leghista con cori e grida. I manifestanti sono stati contenuti dagli uomini delle forze dell’ordine.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Salvini a Crotone, “C’è bisogno di turisti, non di clandestini che portano il virus”

Per me vengono gli italiani e poi il resto del mondo. Ne abbiamo le palle piene di clandestini, spacciatori, scippatori e perditempo. Qui c’è un porto da aprire per portare lavoro, turisti, imprese. C’è una statale 106 che non può rimanere come è messa. Basta guardarsi intorno. Un sindaco che si occupi di raccogliere l’immondizia, di occuparsi di sicurezza, di portare il metano, la luce e la sicurezza. Se si vuole scegliere sicurezza, lavoro e pulizia per la prima volta c’è la Lega anche a Crotone. Io sarò a processo a Catania perché ho bloccato gli sbarchi, ci andrò a testa alta. Crotone e la Calabria hanno bisogno di turisti, non di clandestini che portano il virus. Le case popolari vanno prima agli italiani, quello che avanza al resto del mondo“, ha dichiarato il leader della Lega Matteo Salvini.

Contestatori in strada

Alcune decine di manifestanti hanno contestato Matteo Salvini con cori e insulti. La situazione è stata tenuta sotto controllo dagli uomini delle Forze dell’Ordine che hanno in qualche modo isolato i contestatori. Non si segnalano scontri o incidenti.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
evidenza Matteo Salvini politica

ultimo aggiornamento: 24-08-2020


Musumeci, ‘Da Roma silenzi e omissioni. Dovevo intervenire’. Lamorgese prepara il ricorso

Morto a 94 anni Arrigo Levi. Mattarella, “Ha interpretato i grandi sommovimenti dell’età contemporanea”