Matteo Salvini a Napoli, attacco a de Magistris: “Ha sbagliato lavoro ma gli vogliamo bene perché è simpatico”.

Intervenuto ai microfoni di Radio Crc, Matteo Salvini non ha risparmiato critiche al sindaco di Napoli Luigi de Magistris e contro il governatore della Regione Campania De Luca.

Luigi de Magistris
Luigi de Magistris

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Matteo Salvini, “De Magistris ha sbagliato mestiere ma gli vogliamo bene perché è simpatico”

Arrivato a Napoli per un evento della Lega, Matteo Salvini è intervenuto ai microfoni di Radio Crc. Nel corso della sua intervista non ha risparmiato una frecciata al sindaco Luigi de Magistris, da mesi uno dei principali avversari politici dell’ex ministro.

Lo scontro tra i due si è infiammato soprattutto sul tema dei migranti, con il primo cittadino del capoluogo campano che in diverse occasioni ha pubblicamente contestato le decisioni dell’allora vicepremier.

“Non ho capito il signor De Magistris cosa voglia fare da grande. Credo abbia sbagliato mestiere, ma tutti gli vogliamo bene lo stesso perché è simpatico”.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial/

Salvini, “Come Lega ci stiamo portando avanti”

Matteo Salvini ha poi presentato i piani della Lega per Napoli e per la Campania avviando così la campagna elettorale in terra campana.

“Come Lega ci stiamo portando avanti. Il tema dei rifiuti, della sanità, gestione delle case popolari, sostegno delle famiglie. Quello che, in pratica, fa la Regione e ciò che De Luca non ha fatto con la dovuta attenzione. Vediamo di offrire la scelta, poi spetterà ai napoletani scegliere se andare avanti con i De Luca e di De Magistris, oppure cambiare”

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-11-2019


Giorgetti sull’alleanza M5s-PD: “Se fossi nei dem scapperei a gambe elevate”

Migranti, incontro al Viminale tra Lamorgese e le Ong