Giorgia Meloni oggi a Milano inizia la convention per presentare il suo programma.

Nulla ha distratto finora Giorgia Meloni alla sua corsa verso Palazzo Chigi, né il cambio di governo né la guerra e i sondaggi la premiano. L’obiettivo della leader di Fratelli d’Italia è diventare premier e per questo è disposta ad asfaltare i sue due alleati del centrodestra che altrettanto cercano di frenare i suoi entusiasmi, soprattutto Salvini per paura di una sconfitta alle prossime politiche proprio per mano della sua alleata.

Fratelli d’Italia è il primo partito con 21,7% davanti al Pd. La sua ascesa dura da più di due anni e non ha subito contraccolpi nemmeno quando ha scelto di rimanere fuori dalla maggioranza del governo Draghi., anzi ,lì ha seminato le anime sperse della Lega. Ora si prepara alle politiche allargando il suo partito eliminando gli estremismi e rendendosi più “presentabile”, quasi come ha fatto Marine Le Pen in Francia, cercando di conquistare anche una fetta di elettorato che non guarda all’estrema destra ma ad un conservatorismo più soft e soprattutto per farsi accettare dalla comunità internazionale.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La strategia di Meloni per vincere le politiche

Oggi presenta così a Milano il suo nuovo programma “Italia, energia da liberare”. Ospiti della convention di Giorgia Meloni molti esponenti del centrodestra anche degli ex governi Berlusconi come Giulio Tremonti ma anche molti tecnici. La convention di Meloni però vedrà degli assenti: ovvero i leghisti. Le tensioni tra Salvini e Meloni continuano sulle amministrative e parlano solo per intercessione di Berlusconi. Nessun leghista quindi prenderà parte alla cerimonia programmatica di Giorgia Meloni e di Fratelli d’Italia ma per la leader romana non sembra un problema perché sembra si sia messa agli antipodi del sovranista del Carroccio.

Nella sua nuova veste moderata quasi Meloni cerca di ricoprire un ruolo che la prepara al governo prendendo pezzi dal centro e dalla destra di chi non ha possibilità come Forza Italia, e da chi non ha intenzione di finire sul Carroccio. Secondo Zecchi “Meloni può riempire lo spazio politico ora vuoto in Italia, quello di un partito liberal conservatore, di una destra moderata e internazionale” che “in origine era un progetto di Berlusconi…”. Da Forza Italia infatti c’è la benedizione per Meloni, soprattutto da chi non vuole morire salviniano. “Giorgia viene vista come la ciambella di salvataggio di tanti, ma non potrà salvare tutti…”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-04-2022


Doppio cognome: la bufera di Twitter contro Pillon

Conte: “Non ho mai incontrato Orsini né discusso la sua candidatura”