La leader di Fratelli d’Italia ufficializza la sua candidatura a Palazzo Chigi.

Se il suo partito prenderà “un voto in più” sarà stesso lei, Giorgia Meloni, a guidare il paese. “Presumo che sarei io premier, perché non dovrei esserlo?” dice la leader che i sondaggi mostrano come prima per indice di gradimento, oltre a dare il suo partito primo d’Italia ormai da mesi. Ad un mese e mezzo dalle elezioni però Meloni vuole rimanere cauta e non dare nulla per scontato anche perché teme più i suoi alleati che i suoi nemici.

Lo stesso Salvini sembra pronto a rinunciare alla carica dei suoi sogni, ovvero il ministero dell’Interno, per diventare leader nel caso in cui fosse la Lega ad arrivare primo partito. “Sono pronto ad assumermi l’onore e l’onere di prendere per mano questo paese e di scegliere il meglio per questo paese” ha rivendicato il leader del Carroccio. Mentre da centrosinistra arrivano buone notizie per Meloni che però frena gli entusiasmi.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La sfida è un duello tra Meloni e Letta

“E’ vero che se il fronte avversario è diviso è più facile vincere nei collegi, ma con il maggioritario sono attribuiti solo un terzo dei seggi, il resto è proporzionale” spiega Fazzolari di FdI. In sostanza, quello che si ottiene con i collegi uninominali si può perdere con il proporzionale. Secondo i calcoli degli esperti se Calenda superasse il 7-8% potrebbe avere più eletti sottratti al centrodestra, soprattutto Forza Italia. Con questa legge elettorale le incognite restano tante e non sono ammesse le minime perdite.

Per questo motivo Giorgia Meloni blinda i suoi e continua a considerare il suo sfidante solo Enrico Letta, come lui considera lei l’unica sfidante. In questo marasma di coalizioni e liste e alleanze, alla fine si risolve in un duello tra Meloni e Letta.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-08-2022


Calenda: accordo con Renzi non scontato

Ius Scholae: cosa ne pensano i partiti