I dati di gennaio del mercato auto sono negativi. Il settore ha registrato un calo del 19,7 per cento. Il Governo ha promesso investimenti.

ROMA – I dati di gennaio del mercato sono negativi. Un trend che non riesce a cambiare e che richiede un intervento da parte del Governo per provare a mettere fine a questa crisi. “Nonostante le difficoltà – ha assicurato Giorgetti riportato dall’Ansasono ottimista sul fatto che nelle prossime settimane insieme al ministero dell’Economia presenteremo delle proposte per incentivi al settore“.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Mercato auto, i numeri di gennaio

I numeri di gennaio per il mercato dell’auto sono negativi. Il nuovo anno è iniziato con un calo del 19,7% rispetto allo stesso mese del 2021 mentre rispetto al 2019 è stato registrato una diminuzione di quasi il 35%.

Dati negativi che si confermano anche per Stellantis. In questo caso il gruppo, che secondo i sindacati ha nei suoi piani 2.600 uscite volontarie nel prossimo biennio, ha registrato un -26,7% in confronto al primo mese dello scorso anno mentre la quota è passata dal 39,2% al 35,8%.

Auto
Auto

Le difficoltà del settore

Le difficoltà del settore sono state confermate dai numeri di gennaio. Come riferito anche dalle associazioni, serve assolutamente un intervento del Governo per porre fine, almeno in questo momento, a questa crisi che va avanti da diverso tempo.

Non sarà semplice visto che le difficoltà sono precedenti all’emergenza Covid e la pandemia ha solamente acuito la crisi del mondo delle quattro ruote. Serve quindi un assoluto cambio di passo per provare a trovare un minimo di tranquillità in attesa di mettere definitivamente alle spalle questo momento ed iniziare a guardare con maggiore fiducia al futuro. Vedremo se i prossimi mesi si potranno avere dei cambiamenti oppure si continuerà con il trend avuto in queste ultimi mesi nel nostro Paese.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-02-2022


Bollette, incontro Franco-Salvini. Il leghista: “Serve un intervento più sostanzioso”

Formula 1, cambiano le regole: ecco tutte le novità