Migranti, la Mediterranea ritorna in mare: le ultime sulla vicenda

Migranti, la Mediterranea ritorna in mare

Migranti, la Mediterranea ritorna in mare. La ONG è in viaggio verso la Libia per riprendere l’attività di monitoraggio.

ROMA – Migranti, la Mediterranea ritorna in mare. Dopo il dissequestro da parte della Procura di Agrigento, la ONG battente bandiera italiana ha completato le operazioni necessarie per ricominciare il lavoro di monitoraggio in acque internazionali. L’imbarcazioni è in viaggio per la Libia e nelle prossime ore potrebbe salvare profughi in difficoltà.

Mediterranea Alex
fonte foto https://twitter.com/RescueMed

La Mediterranea ritorna in mare, nuovo braccio di ferro con Salvini?

In ritorno della Mare Jonio nel Mediterraneo potrebbe aprire ad un nuovo (l’ultimo?) braccio di ferro con Matteo Salvini. Nonostante la crisi di Governo, il leader della Lega continua a rimanere a capo del Viminale. Nessun passo indietro da parte del ministro dell’Interno che conferma la politica dei porti chiusi alle ONG.

Vita dura, quindi, per la Mediterranea che in caso di un salvataggio di migranti rischia di rimanere alcuni giorni in mare. Ma la situazione in Italia è in continua evoluzione e quindi l’incertezza politica potrebbe favorire alla ONG uno sbarco immediato. “La nostra missione – ha spiegato Luca Casarini – è quella di essere là dove bisogna essere. Cioè qui, in questo tratto di Mediterraneo. E testimoniare quello che l’Europa e l’Italia stanno facendo, i crimini che stanno compiendo“.

Di seguito il tweet con il ritorno in mare della Mediterranea

Alleanza M5s-PD, norme ammorbidite sull’immigrazione?

La vita per le ONG presto potrebbe essere più facile. Il PD, infatti, nel suo programma di Governo ha messo l’abolizione dei decreti di sicurezza firmati da Matteo Salvini. Forse le due riforme non saranno cancellate definitivamente ma la nuova maggioranza potrebbe ammorbidire le norme sull’immigrazione.

Da capire, però, il comportamento dell’Europa. Entrambi, infatti, chiedono una collaborazione degli altri Stati per la redistribuzione dei migranti. Porti aperti solo se l’Italia non viene lasciata sola dai Paesi che fanno parte dell’UE.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Mediterranearescue

ultimo aggiornamento: 24-08-2019

X