Sinisa Mihajlovic annuncia il ritorno della leucemia: “Sono pronto a darle una nuova lezione”.

BOLOGNA – Sinisa Mihajlovic annuncia il ritorno della leucemia. In una conferenza stampa il tecnico del Bologna ha confermato la necessità di dover affrontare nuovamente la battaglia, ma la situazione non sembra essere molto grave.

In questi anni la mia ripresa è stata ottima – ha confermato il serbo riportato da La Gazzetta dello Sportma ultimamente ci sono stati dei piccoli campanelli d’allarme di un possibile ritorno della malattia. Per evitare che questo possa accadere, i medici mi hanno consigliato di intraprendere un percorso terapeutico e io sono pronto ad affrontarlo“.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Mihajlovic: “Sono pronto a dargli un’altra lezione”

Questa volta – ha spiegato Mihajlovic – non entrerò in tackle come due anni e mezzo fa, ma giocherò in anticipo per non farlo partire. Si vede che questa malattia è molto coraggiosa per avere voglia di tornare ad affrontare uno come me, ma sono pronto a dargli un’altra lezione“.

Ricovero che porterà Sinisa lontano dai campi ancora per qualche settimana. Non è chiaro quanto sarà lunga la sua assenza, ma siamo certi che i tifosi e gli avversari lo accoglieranno nei migliori dei modi anche perché già in questo momento non sono mancati i messaggi di sostegno.

Sinisa Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic

Il calcio si stringe intorno a Sinisa

Il calcio si è stretto intorno a Sinisa. Sono molti i messaggi di sostegno inviati al tecnico del Bologna che, come detto, sarà costretto ad affrontare un nuovo percorso riabilitativo. La speranza è quella di poter chiudere il prima possibile questa pagina, ma sappiamo che il percorso è lungo e pieno di ostacoli. Vedremo quando Mihajlovic potrà tornare in campo e stare al fianco della sua squadra.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 26-03-2022


“Distrutta e schiacciata”: l’Italia stordita dopo aver perso di nuovo il Mondiale

Italia, Mancini pronto a restare come allenatore della Nazionale