In attesa delle decisioni ufficiali, la UEFA ha deferito alla camera arbitrale CFCB il Milan. Nelle prossime settimane arriveranno le restrizioni sul mercato.

NYON – La UEFA ha deferito il Milan alla camera arbitrale della CFCB. Attraverso un comunicato ufficiale che è arrivato direttamente da Nyon si legge come “la camera di investigazione dell’Organo di Controllo Finanziario per Club ha deciso di rinviare l’AC Milan alla camera giudicante CFCB per la violazione delle norme del fair play finanziario, in particolare per la violazione della regola di bilancio“.

Dopo un attento esame di tutta la documentazione e delle spiegazioni fornite dalla società – continua la nota – la camera di investigazione ritiene che le circostanze del caso non consentano la conclusione di settlement agreement. Nello specifico, la camera di investigazione è del parere che permangano delle obbligazioni da effettuare entro ottobre 2018“.

Mercato Milan Montella Rifinanziamento Milan
HAN LI YONGHONG LI FASSONE

La UEFA ha deferito il Milan: ecco quando arriverà la decisione definitiva

Nel comunicato pubblicato dalla UEFA si legge anche che “la camera giudicante prenderà una decisione in merito a tempo debito. Durante il mese di giugno, la camera di investigazione comunicherà eventuali altre decisioni in merito al monitoraggio della società sotto indagini o che hanno un seetlement agreement“.

Grande attesa in Casa Milan per questa decisione. Solamente dopo si potrà iniziare a programmare il mercato per la prossima stagione.

Di seguito il video con il gol del giorno del Milan

Goal of the Day – José Altafini

⚽ Goal of the Day 💥#UCL top goalscorer Altafini scores the winner and earns us our ☝🏻 European Cup ⭐José Altafini segna il raddoppio nella notte della nostra ☝🏻 Coppa dei Campioni ⭐

Pubblicato da AC Milan su Martedì 22 maggio 2018

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ACMilan/

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 22-05-2018


Serie A, le decisioni del Giudice Sportivo: una giornata di stop per Çalhanoglu

Milan, Marco Fassone sul deferimento della UEFA: “Siamo amareggiati e sorpresi”