Milan, ecco Gattuso: modulo e staff di Rino

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Alla scoperta di Gennaro Gattuso: i moduli preferiti e lo staff che lo accompagnerà in questa nuova avventura.

Digerita la notizia dell’esonero di Montella e scatenata la polemica sulla decisione di affidare la panchina della Prima Squadra a Gennaro Gattuso, per i tifosi rossoneri è ora giunto il momento di guardare avanti. Inutile rinnegare o infangare il passato, inutile non concedere un minimo di fiducia al futuro prossimo. Ora è tempo di vivere il presente e provare a capire come potrà muoversi il nuovo allenatore del Milan e chi sono gli uomini che ha voluto al suo fianco per questa avventura.

Gattuso, dalla Primavera del Milan i primi segnali

Dopo un inizio non proprio entusiasmante alla guida della Primavera, Gattuso poi ha inanellato una serie di risultati utili consecutivi centrando cinque vittorie in sei partite. Un Milan magari non bellissimo ma certamente di cuore e corsa, grinta e polmoni. E una buona idea di gioco di fondo. Quello che chiede Rino è semplice: corsa e dedizione. La sostituzione di Thiago Dias nel corso della sfida tra Milan e Lazio Primavera (vinta dai rossoneri) è la fotografia del Gattuso allenatore: il giovane portoghese, uno dei talenti più cristallini del Settore Giovanile rossonero, dopo aver propiziato il gol del due a zero e incassato gli applausi del tecnico, è stato sostituito al minuto ottantasei. Il motivo nelle parole, anzi nelle grida di Gattuso riportate da La Gazzetta dello Sport: “Basta, mi hai rotto. Si corre anche in fase difensiva, non solo in fase offensiva“.

Gattuso, modulo e idee di gioco

Sono due di fatto i moduli su cui ama lavorare Gattuso: il 4-2-3-1 e il 4-3-1-2. La prima soluzione tattica era la stessa adottata anche da Seedorf, un altro allenatore formatosi da giocatore alla scuola di Carlo Ancelotti. Il 4-2-3-1 a detta di Gattuso è uno dei moduli che permette di coprire al meglio ogni zona del campo e la rosa a disposizione permetterebbe a Rino di osare. Inamovibile Donnarumma tra i pali, difesa a quattro formata da RodriguezRomagnoli, Bonucci AbateMontolivo/Biglia Kessié davanti alla difesa con Suso, Calhanoglu e Bonaventura alle spalle dell’unica punta.

Il 4-3-1-2 si avvicina molto al sistema di gioco conosciuto da giocatore da Gattuso. La difesa resterebbe sostanzialmente invariata mentre a centrocampo agirebbero Montolivo, Biglia e Kessié. Resterebbe da sciogliere il nodo trequartista visto che Suso ha dimostrato di non gradire la posizione.

Milan, lo staff di Gattuso

Gennaro Gattuso sarà accompagnato in questa avventura da  Luigi Riccio nei panni di coach, Mario Innaurato, confermato come prepratore atletico e Bruno Dominici. Match analyst sarà Marco Sangermani mentre il lavoro sui portieri rimarrà nelle mani di Alfredo Magni e Giorgio Bianchi.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 28-11-2017

Nicolò Olia