La dirigenza rossonera per ora fa quadrato su Gattuso. Il suo destino, però, dipenderà dai risultati contro Frosinone e Spal. Chi potrebbe arrivare al suo posto?

Gennaro Gattuso è sempre più sulla graticola. La società per il momento blinda il suo allenatore, conscia anche del fatto che i risultati dipendono dalle tantissime assenze di una squadra con la rosa ridotta all’osso. A preoccupare, però, è l’involuzione di una squadra che sembra entrata in una spirale negativa. Gli attaccanti non segnano più e si fa fatica a sviluppare azioni offensive. Un segnale d’allarme che la dirigenza rossonera non può non prendere in considerazione. I nomi all’orizzonte per un eventuale dopo-Gattuso sono molti, alcuni di grande impatto.

Milan, suggesione Wenger in caso di esonero di Gattuso

Una soluzione assai affascinante sarebbe di sicuro quella che porta ad Arséne Wenger. Il manager francese ha lasciato l’Arsenal dopo un ventennio in cui ha contribuito a rivoluzionare il modo di fare calcio Oltremanica. Nella memoria dei tifosi dei Gunners rimangono molti titoli vinti negli anni 2000, con un record d’imbattibilità ancora leggendario.

Gli ottimi rapporti tra Wenger e il nuovo amministratore delegato rossonero Ivan Gazidis potrebbero aiutare l’approdo a Milano del tecnico ex Monaco. Per ora, però, si parla soltanto di “fantapanchina“.

Antonio Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/antonioconteofficialpage/

Milan: Donadoni e Conte gli altri due nomi caldi

Ci sono altre due soluzioni che circolano insistentemente in queste ore. La prima è quella che porta a un grande ex come Roberto Donadoni, bandiera del Milan di Sacchi e Capello e al momento svincolato, dopo la fine della sua esperienza con il Bologna. L’allenatore bergamasco potrebbe anche arrivare con un contratto semestrale, rinnovabile in caso di Champions.

C’è quindi la pazza idea legata ad Antonio Conte. L’ex tecnico della nazionale italiana è seguito anche dall’Inter, delusa dall’andamento di Luciano Spalletti. Nel caso in cui a gennaio potessero arrivare due suoi pupilli al Chelsea (Fabregas e Morata), allora la prospettiva di vedere Conte in rossonero potrebbe farsi più reale.

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 24-12-2018


Frosinone-Milan 0-4, il precedente in amichevole del 1984

Ancelotti: “Milan, due volte vicino al ritorno. Qui a Napoli…”