Milan, partnership con la Harmont and Blaine: accordo fino alla stagione 2021-2022.

Il Milan ha annunciato la partnership con la Harmont & Blaine, nota azienda di abbigliamento facilmente riconoscibile per il bassotto distintivo.

Il comunicato del Milan sull’accordo con Harmont & Blaine

Di seguito il comunicato diramato dal Milan sul proprio sito ufficiale.

AC Milan e Harmont & Blaine hanno dato vita a una nuova partnership. L’azienda italiana di abbigliamento, caratterizzata dal noto bassotto, sarà per le stagioni 2020/2021 e 2021/2022 Official Style Partner del Club rossonero e fornirà le divise ufficiali formali per la Prima Squadra maschile, la Prima Squadra femminile e i rispettivi staff.

Harmont & Blaine trova la sua naturale collocazione al fianco di AC Milan, un team che trascende i propri confini nazionali e si fa ambasciatore dell’Italian lifestyle nel mondo. Due icone di stile che si incontrano in una partnership che affonda le sue radici nell’equilibrio tra un profondo amore per la propria storia e tradizione e la voglia di essere costantemente avanti al proprio tempo.

Le divise, pensate per la squadra maschile e per quella femminile, avranno una continuità di stile fra loro. L’immagine che ne risulterà sarà così di grande impatto visivo, oltre che di tendenza. Per essere in linea anche con lo spirito più sport del brand, Harmont & Blaine ha pensato di fornire anche una seconda divisa che ha chiamato “Travel”. Grazie alle vestibilità confort dei capi e tessuti antipiega che la compongono, la divisa travel permetterà agli atleti di affrontare le trasferte e i continui viaggi mantenendo un look sempre perfetto”.

Casa Milan
Casa Milan

I termini dell’accordo

Il Milan e il marchio del bassotto staranno insieme nel 2020/2021 e 2021/2022, con il marchio del bassotto che diventa così Official Style Partner.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio economia milan

ultimo aggiornamento: 15-09-2020


Calciomercato, Milik sblocca il valzer delle prime punte

Coronavirus, Fca e Psa rivedono i termini della fusione